Coltivazione lavanda

La lavanda

La lavanda è una pianta decorativa tipica delle zone del Mediterraneo. In genere questa specie vegetale è associata alla Provenza, zona della bassa Francia caratterizzata da immense distese di viola. E viola è, infatti, il colore caratteristico dei fiori di questa meravigliosa pianta. La lavanda non ha solo un grande potere decorativo, ma da questa pianta è possibile trarre numerosi derivati come oli, fiori ed altre parti che vengono comunemente utilizzate nella vita quotidiana. La lavanda è una delle specie maggiormente presenti nei giardini domestici in quanto oltre a rendere esteticamente più invitante l’ambiente, essa produce un profumo capace di rilassare immediatamente chi se ne trova in prossimità e di allietare i frequentatori del giardino. Si consiglia, infatti, di piantare, all’interno di un giardino privato, un numero discreto di piante di lavanda proprio in quell’area destinata ad ospitare amici e parenti per sorseggiare comodamente una bevanda o per conversare comodamente. Disponendo della lavanda proprio nell’area relax si sarà allietati da un profumo fresco e delicato che apporta subito grande quiete e relax. Come molti già sanno, la lavanda è contraddistinta dal suo profumo dolce e proprio per questa straordinaria caratteristica che la contraddistingue, si usa normalmente far essiccare i fiori della pianta e di raccoglierli in un sacchetto da mettere negli armadi per deodorarli. Anche l’olio che se ne produce è spesso utilizzato come essenza per profumi per la casa o la persona.

Come avviare una coltivazione di lavanda. Con aggiornamento 2016. Con CD-ROM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Tipologie

La lavanda ha dunque molteplici funzioni che sono date soprattutto dai colorati fiori e dal profumo fresco ed estivo. Proprio per queste importanti caratteristiche aggiunte alle diverse proprietà curative e mediche che possono esserle attribuite, la lavanda resta una delle piante più presenti all’interno dei giardini. La lavanda rende uno spazio all’aperto colorato, delicato, fresco e profumato. Crea un piacevole ambiente ospitale e rilassante. Esistono diversi tipi di lavanda, ognuno con le proprie caratteristiche e con le proprie esigenze in materia di condizioni di coltivazione. Generalmente la lavanda cresce in zone particolarmente calde e a clima temperato, ma esistono anche alcune qualità che resistono ai climi più freddi. Un esempio di quest’ultimo tipo è la lavanda vera. La lavanda spica, invece, richiede delle condizioni di crescita caratteristiche di un clima più caldo e di terreni calcarei. Inoltre rispendo alla lavanda vera presenta dei steli più lunghi. Il periodo di fioritura è successivo a quello del primo tipo descritto. Altri tipi di lavanda sono quella marittima e gli ibridi denominati lavanda farfalla e lavandino.


  • Una delle piante più affascinanti è, senza dubbio, la liquirizia. Tutti conoscono questa specie vegetale, o meglio, tutti conoscono l’estratto di liquirizia che viene comunemente utilizzato in cucina,...
  • Come ogni specie vegetale che si rispetti, anche il carciofo, per essere coltivato, ha bisogno di alcune condizioni necessarie perché il seme possa attecchire e possa, in seguito, germinare. Oltre all...
  • L’aloe è una pianta estremamente apprezzata non solo dal punto di vista naturalistico, ma anche da quello terapeutico e medicinale. Tutti conoscono, almeno in parte, le tantissime proprietà che caratt...
  • Il mirtillo è una pianta molto diffusa in tutto il mondo. I frutti di questa pianta sono delle bacche dai caratteristici colori, sapori e profumi. Il mirtillo non è un’unica specie vegetale, ma di que...

Come avviare un attività di coltivazione piante aromatiche e officinali. Con CD-ROM + OMAGGIO Banca Dati 1500 Nuove Idee di Business per trovare il lavoro giusto che fa per te

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Fasi di Coltivazione

Come ogni specie vegetale, anche la lavanda non può crescere in tutte le condizioni climatiche e territoriali e dunque, prima di prendere in considerazione di coltivare questa specie vegetale bisogna scegliere la varietà di lavanda più adeguata al territorio e al clima in cui se ne vuole realizzare una coltura. Se esistono i presupposti necessari alla sua crescita come un terreno asciutto e alcalino ed una esposizione assoluta con temperature calde, allora si può passare alla coltivazione vera e propria.in genere una pianta di lavanda può essere coltivata in vaso o in terreno. Il periodo ideale è all’inizio dei mesi primaverili, ma è chiaro che tutto dipende dal tipo di lavanda scelta. Generalmente, la vita di queste piante va dai sette ai dieci anni, ma con le dovute attenzioni il suo ciclo vitale potrebbe allungarsi. Uno dei metodi più produttivi per coltivare la lavanda è tramite talea. La prima cosa da fare è tagliare una talea in buona salute, verde e sana che hanno più possibilità di attecchire in maniera immediata. Tagliato il rametto o talea in questione è necessario eliminare tutte le foglie che sono presenti nella parte superiore, dopodiché è possibile piantare la talea. Il periodo in cui può avvenire questa operazione è, come detto precedentemente, l’inizio della primavera. Dopo aver irrigato e lasciata riposare, la talea dovrebbe sviluppare le radici e attecchire bene al terreno. Dopo pochi mesi si svilupperà una pianta bella e vitale.


Coltivazione lavanda: Irrigazione e altre operazioni

Il periodo di fioritura della lavanda è l’estate, periodo in cui è possibile raccogliere i fiori e farli essiccare per la realizzazione di fiori secchi decorativi per profumazione o oli. In autunno è opportuno potare la pianta a circa 3 cm così che sarà maggiormente forte e protetta per il periodo invernale. Nel periodo della primavera, ovvero nei mesi di marzo o aprile è opportuno procedere ad una seconda potatura, questa volta a 5 cm. In questo modo in estate se ne garantirà una splendida fioritura. Queste piccole operazioni servono a far durare più a lungo la propria lavanda e a farla apparire sempre vitale e sana. Per mantenere sempre in salute la lavanda bisogna stare attenti a dare il giusto quantitativo di acqua alla pianta senza creare dei ristagni estremamente dannosi. Inoltre, bisogna porre la massima attenzione alla crescita delle erbe cattive che potrebbero sottrarre alla pianta tutte le sue sostanze nutritive necessarie per vivere.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO