Fiori di bach

I fiori di Bach sono una cura alternativa basata sulla floriterapia, questa si distingue dall'omeopatia e dall'erboristeria, infatti la floriterapia pur prevedendo le diluizioni, come l'omeopatia, non segue lo stesso metodo e si fonda sul concetto che il bene (il fiore) cura il male (stato di disagio, malattia).

Il principio di base dell'omeopatia è “il simile cura il simile” regolato principalmente sull’uso di sostanze vegetali. L'erboristeria prevede invece l'uso di estratti di piante non diluiti e con un concetto generalmente sintomatico o di rafforzamento della costituzione fisica.

Padre della floraterapia è il medico britannico Edward Bach (1886 - 1936), il quale sosteneva:

“La malattia non è né una crudeltà in sé, né una punizione, ma solo ed esclusivamente un correttivo, uno strumento di cui la nostra anima si serve per indicarci i nostri errori, ... continua


Articoli su : Fiori di bach


ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Fiori di Bach ansia

      Oltre ai farmaci tradizionali vi è tutto un universo di prodotti naturali, meno aggressivi e poco in
    • Fiori di Bach per bambini

      Tutti quanti, adulti e bambini, soffriamo di sbalzi d’umore e di alterazione degli stati emotivi e m
    • Fiori di Bach Rescue

      Edward Bach è un medico a cui si devono i grandi passi in avanti fatto dalla medici alternativa. Il
    • Fiori di Bach test

      Nell’ambito della medicina vi sono stata innumerevoli svolte che hanno fatto fare dei grossi passi i
    • Fiori di Bach vendita

      I fiori di Bach sono dei rimedi naturali molto utilizzati e apprezzati da tutti coloro che preferisc
    ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , per trattenerci da sbagli più gravi, per impedirci di suscitare maggiori ombre e per ricondurci sulla via della verità e della luce, dalla quale non avremmo mai dovuto scostarci”

      Il metodo per ottenere i rimedi di Bach prevede l’utilizzo dell'acqua, dell'energia solare o del fuoco ed ovviamente dei fiori.

      I fiori vengono raccolti in una giornata soleggiata, messi in acqua ed esposti per tre o quattro ore, oppure quando questo per motivi stagionali non sia possibile, si mettono a bollire, a questa miscela si aggiunge del brandy il quale serve da conservante. Il metodo per scegliere i rimedi richiede semplicemente di conoscere gli stati d'animo corrispondenti ad ogni fiore, e quali sono le emozioni bloccate che di conseguenza si possono riequilibrare.

      I fiori di Bach sono adatti per chiunque e a qualsiasi età.

      In commercio si trovano due tipi di confezioni dei rimedi floreali, una boccetta è definita stock bottle che generalmente contiene 10 ml o 7,5 ml del rimedio puro, la seconda boccetta è per l'assunzione che invece contiene 30 ml.

      La prima viene utilizzata per preparare la seconda, oppure viene utilizzata pura nelle situazioni di emergenza.

      Si prepara la boccetta per l’assunzione dei rimedi, riempiendo una boccetta da 30 ml con due terzi d’acqua e un terzo di brandy, che ha la funzione di conservante. A questa miscela si aggiungono 2 gocce di ogni rimedio scelto prendendoli dalla stock bottle.

      Il numero massimo di fiori da poter mettere insieme in ogni boccetta sono 5 o 6, raramente si consiglia di arrivare a 7. Dalla boccetta così ottenuta, si consiglia di prendere i Fiori di Bach 4 gocce 4 volte al giorno, direttamente per via orale.

      I periodi della giornata più importanti e indicati sono al mattino a digiuno e alla sera prima di coricarsi. Si possono assumere anche altre due volte, quando si vuole, possibilmente dando un certo ritmo agli orari. In caso si senta la necessità è possibile prendere i Fiori di Bach anche con una frequenza giornaliera maggiore. Il principio su cui si basa la floriterapia è piuttosto semplice. Lo stesso Bach, nei suoi intenti e nella realizzazione del suo metodo, prevede che ognuno possa guarirsi da solo, anche senza l'aiuto di un floriterapeuta; tuttavia all'inizio, l’appoggio di un consulente esperto permette di raggiungere dei livelli di miglioramento maggiore.

      La ricerca condotta da Bach lo condusse a trovare 38 rimedi, suddivisi in sette famiglie o gruppi a seconda del tipo di rimedio.

      • Rimedi per la paura

      • Rimedi per coloro che soffrono l’incertezza

      • Rimedi per l’insufficiente interesse per il presente

      • Rimedi per la solitudine

      • Rimedi per l’ipersensibilità alle influenze e alle idee

      • Rimedi per lo scoraggiamento o la disperazione

      • Rimedi per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri

      Di seguito è riportato l’elenco dei fiori (I nomi dei fiori sono in inglese, come ormai sono conosciuti in tutti il mondo) e il rimedio corrispondente.

      AGRIMONY (Agrimonia):

      Ansia, tormento, fuga dai confronti e dalle tensioni.

      ASPEN (Pioppo):

      Paura dell'ignoto, angoscia.

      BEECH (Faggio):

      Ipercritico, arrogante, rigidità dei valori.

      CENTAURY (Centaurea minore),:

      Scarsa volontà, paura di deludere.

      CERATO (Piombaggine):

      Indecisione, sfiducia nelle proprie intuizioni.

      CHERRY PLUM (Prugno):

      Perdita di controllo, paura di impazzire.

      CHESTNUT BUD (Gemma di Ippocastano bianco):

      Scarsa attenzione, atteggiamenti ripetuti.

      CHICORY (Cicoria):

      Ricatto morale, autocompatimento.

      CLEMATIS (Vitalba):

      Distrazione, mancanza di concentrazione.

      CRAB APPLE (Melo selvatico):

      Perfezionista, rifiuto del proprio aspetto fisico.

      ELM (Olmo inglese):

      Momentaneo scoraggiamento, troppi impegni.

      GENTIAN (Genzianella autunnale):

      Pessimismo, scetticismo.

      GORSE (Ginestrone):

      Rassegnazione, senza speranza.

      HEATHER (Brugo o Erica):

      Solitudine, eccessiva loquacità.

      HOLLY (Agrifoglio):

      Gelosia, collera.

      HONEYSUCKLE (Caprifoglio):

      Nostalgia, si vive nel passato.

      HORNBEAM (Carpino bianco):

      Stanchezza mentale, scarso interesse per la quotidianità.

      IMPATIENS (Balsamina):

      Frenesia, impazienza.

      LARCH (Larice):

      Insicurezza, paura di sbagliare, sfiducia di se stessi.

      MIMULUS (Mimolo giallo):

      Paure, timidezza, insicurezza.

      MUSTARD (Senape selvatica):

      Malinconia, depressione, abbattimento.

      OAK (Quercia):

      Eccessivo senso del dovere, stanchezza.

      OLIVE (Olivo):

      Sfinimento fisico e psichico, astenia.

      PINE (Pino silvestre):

      Senso di colpa, inadeguatezza.

      RED CHESTNUT (Ippocastano rosso):

      Preoccupazione eccessiva per gli altri.

      ROCK ROSE (Eliantemo):

      Panico, terrore, paure che bloccano.

      ROCK WATER (acqua di fonte):

      Rigidità, eccessiva autodisciplina.

      SCLERANTHUS (Fiorsecco, Scleranto o Centigrani):

      Indecisione, alternanza.

      STAR OF BETHLEHEM (Ornitogalo o Latte di gallina):

      Traumi, shock.

      SWEET CHESTNUT (Castagno dolce):

      Disperazione.

      VERVAIN (Verbena):

      Fanatismo, tensione.

      VINE (Vite):

      Ambizione, desiderio di dirigere tutto.

      WALNUT (Noce):

      Scarsa capacità di adeguarsi ai cambiamenti.

      WATER VIOLET (Violetta d'acqua):

      Distacco, solitudine, senso di superiorità.

      WHITE CHESTNUT (Ippocastano bianco):

      Pensieri ripetitivi, fatica mentale.

      WILD OAT (Forasacco o Avena selvatica):

      Dispersione, scarsa capacità di scelta.

      WILD ROSE (Rosa canina):

      Apatia, scarso interesse.

      WILLOW (Salice giallo):

      Risentimento, amarezza.