Rinite

Rinite e rinite allergica

La rinite è un fastidioso disturbo con il quale tutti, prima o poi nella vita, ci troviamo ad avere a che fare. Può avere diverse origini, ma ogni forma di rinite è accomunata dal gonfiore delle mucose nasali e da un più o meno forte scolo che rende necessario soffiarsi il naso frequentemente. La rinite può avere causa infettiva, quando viene provocata da virus o da batteri; irritante, quando ci si trova di fronte ad un problema di allergia, oppure anche anatomica, quando a scatenarla sono problemi fisici come un eccesso di sensibilità o di capillari all'interno della mucosa nasale, che la rendono facilmente irritabile e predispongono dunque l'organo allo sviluppo di episodi frequenti di rinite. Tutte queste cause comportano alcuni sintomi specifici ed altri comuni, così come un processo di guarigione e una necessità di intervento differenziato: per questa ragione, per trattare in modo soddisfacente la rinite, è fondamentale individuarne innanzitutto la causa scatenante, per poi mettere in atto una terapia che possa effettivamente intervenire in modo efficace. Soprattutto in caso di rinite persistente e di riniti frequenti, è ipotizzabile un'origine anatomica o allergica, pertanto si metteranno in atto accurate indagini.
Rinite

Lifemax 852 - Dispositivo per alleviare tosse da fieno e rinite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,03€


Sintomi della rinite

Rinite La rinite può comportare dei sintomi facilmente identificabili, accompagnati ad altri che sono meno immediati da riconoscere come legati a tale disturbo, magari perché interessano un'area diversa da quelle respiratorie. La compresenza di più sintomi è il principale campanello d'allarme per lasciare ipotizzare una rinite e per spingere a ricercare la causa scatenante. La rinite si manifesta solitamente con naso chiuso, prurito al naso, necessità frequente di soffiarsi il naso, starnuti frequenti. A questi sintomi possono aggiungersene altri che sono più generici e che pertanto non sempre vengono immediatamente riconosciuti come associati alla rinite: tra questi il mal di testa, la congiuntivite, la febbre, il prurito o il dolore alla gola, la tosse. A seconda delle combinazioni e delle specificità della sintomatologia si potrà ipotizzare una causa, da indagare con maggiori esami, per determinare l'agente scatenante ed eliminarlo in modo efficace, oppure, come nel caso della rinite allergica, per fare in modo di mantenere il disturbo il più possibile sotto controllo. In particolare è necessario rivolgersi al proprio medico quando i sintomi della rinite si mostrano persistenti nel tempo e non si esauriscono, segno che potrebbe essere necessario un intervento più aggressivo in caso di infezione virale o batterica oppure della necessità di indagare altre cause.

  • Un compito non da poco, ben difficile da raggiungere soprattutto se l’intenzione ultima è quella del raggiungimento di tutti e tre i punti prima citati in una sola volta. Più facile è se si scende a c...
  • La forfora è un problema che colpisce molte persone e che interessa in maniera indifferenziata sia uomini che donne. Scientificamente, la forfora è nota con il nome di Pityriasis Capitis e non è altro...
  • L’aloe vera è anche detta “pianta miracolosa” per le sue straordinarie proprietà terapeutiche. Essa è sempre stata utilizzata in diversi ambiti con eccellenti risultati. È una pianta estremamente poli...
  • cause debolezza Debolezza, mancanza di forze, spossatezza, stanchezza e cosi via, sono tutti termini che vengono utilizzati per indicare quello stato fisico che ci fa mancare la voglia, e le forze fisiche, per qualsi...

Rinite Allergica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,99€


Rimedi naturali

Per contrastare la rinite in modo naturale occorre innanzitutto determinare la causa scatenante: il problema necessiterà di interventi molto diversi a seconda dell'origine virale, batterica oppure anatomica, o ancora allergica, pertanto un rimedio naturale può risultare estremamente efficace in alcuni casi e del tutto inutile in altri. L'argento colloidale, ad esempio, è un utile rimedio nei casi di riniti batteriche o virali, in quanto in grado di agire come un potente antibiotico, ma senza comportare gli stessi sgradevoli effetti collaterali. Contro germi e batteri sono importanti anche abitudini tanto semplici quanto efficaci: è il caso dell'abitudine a bere molta acqua, in grado di favorire l'eliminazione dei batteri. L'acqua agisce anche come un fluidificante naturale, rendendo più facile l'eliminazione del muco. La rinite può essere sconfitta in modo naturale anche grazie ad infusi e tisane, i quali sono in grado di ridurre i sintomi fastidiosi e sconfiggere i germi. In particolare, per contrastare la rinite sono efficaci erbe come l'ortica verde e l'eucalipto, ma anche lo zenzero. L'assunzione quotidiana di tali rimedi permetterà di riscontrare entro breve un senso di sollievo e un'attenuazione dei sintomi.


Rimedi naturali rinite allergica

La rinite allergica è molto diversa dalle altre forme di riniti e deve essere trattata in modo specifico. Per una corretta terapia è importante identificare le cause scatenanti, in modo tale da eliminarle, quando possibile, oppure provvedere al contenimento dei sintomi. Anche in questo caso il mondo vegetale può essere un valido aiuto: il butterbar, in particolare, facilita l'eliminazione del muco riducendone la produzione e vanta proprietà antistaminiche. Anche l'estratto di semi d'uva è considerato un efficace antistaminico naturale, in grado di mitigare i sintomi e il fastidio legati alle crisi allergiche. In ogni caso, le allergie non possono essere prese sotto gamba e il parere del medico è sempre fondamentale: attenzione anche, in caso di assunzione di antistaminici o altri farmaci, ad evitare che possano insorgere delle interazioni negative per la salute e degli effetti collaterali. Bere molta acqua, mangiare frutta e verdura ed evitare prodotti caseari sono buone abitudini che possono aiutare a ridurre i sintomi in modo indiretto, mentre si dovrà comunque agire anche sulle cause scatenanti facendo in modo di limitare la gravità e la frequenza delle crisi allergiche.




COMMENTI SULL' ARTICOLO