Mononucleosi

Mononucleosi

La mononucleosi è una malattia virale nota anche come “la malattia del bacio”, in quanto caratterizzata dalla trasmissione prevalentemente tramite saliva. La mononucleosi è una malattia non sempre facile da diagnosticare, dal momento che i sintomi possono venire inizialmente confusi con quelli della normale influenza. Si tratta di una malattia di origine virale, che si trasmette soprattutto tra i più giovani e che è originata dal virus Epsen Barr (EBV), appartenente alla famiglia degli herpes, proprio come la varicella. In presenza di casi in famiglia o nella cerchia di amici, è importante evitare gli scambi di piatti e bicchieri in uso per limitare le possibilità di contagio. Il decorso della malattia può essere lungo, anche in base alla precocità con la quale essa viene diagnosticata e con la quale viene messa in atto una adeguata terapia. La terapia farmacologica è fondamentale per contrastare la mononucleosi, ma ad essa, in accordo con il proprio medico, possono venire affiancati dei rimedi naturali utili a favorire il più rapido decorso e ad alleviare il fastidio dei sintomi durante tutto il periodo di decorrenza della malattia.
Mononucleosi

TEST MONONUCLEOSI conf. 20 pz.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 57€


Sintomi

MononucleosiI sintomi della mononucleosi possono essere difficili da riconoscere, perché possono venire scambiati con influenza o un semplice periodo di stanchezza. La loro persistenza, però, e la compresenza, sono solitamente i primi fattori che portano al sospetto della malattia. I sintomi più comuni comprendono un generale senso di stanchezza e spossatezza, mal di gola che non scompare nonostante i trattamenti e il passare dei giorni, ingrossamento dei linfonodi. Prima di questi, però, solitamente la malattia si manifesta con leggeri cefalee, dolori muscolari e articolari, inappetenza: questi sintomi lasciano solitamente pensare, appunto, ad una normale influenza e la diagnosi è più probabile che venga ricercata nella fase successiva. Ulteriori sintomi sono riscontrabili soltanto attraverso analisi del sangue: una lieve insufficienza epatica, ma anche l'aumento del numero dei globuli bianchi. Se non curata, la mononucleosi può aggravarsi fino a causare danni a cuore e polmoni, nonché, in alcuni rari casi, al sistema nervoso centrale, nonché dell'apparato circolatorio, con l'insorgenza di anemia. Tuttavia, se riconosciuta e debitamente trattata, solitamente la mononucleosi non lascia conseguenze permanenti, mentre nei più piccoli la mononucleosi può anche verificarsi in assenza di sintomi evidenti.

  • Un compito non da poco, ben difficile da raggiungere soprattutto se l’intenzione ultima è quella del raggiungimento di tutti e tre i punti prima citati in una sola volta. Più facile è se si scende a c...
  • La forfora è un problema che colpisce molte persone e che interessa in maniera indifferenziata sia uomini che donne. Scientificamente, la forfora è nota con il nome di Pityriasis Capitis e non è altro...
  • L’aloe vera è anche detta “pianta miracolosa” per le sue straordinarie proprietà terapeutiche. Essa è sempre stata utilizzata in diversi ambiti con eccellenti risultati. È una pianta estremamente poli...
  • cause debolezza Debolezza, mancanza di forze, spossatezza, stanchezza e cosi via, sono tutti termini che vengono utilizzati per indicare quello stato fisico che ci fa mancare la voglia, e le forze fisiche, per qualsi...

Mononucleosis (Original mix)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Contagio

Dal momento che la mononucleosi è una malattia difficile da riconoscere, soprattutto nei primi stadi, quando i sintomi sono pochi e generici, il timore delle possibilità di contagio è giustificato: tuttavia, la diffusione della mononucleosi avviene in modo modesto e la maggior parte delle persone sviluppano anticorpi specifici pur senza avere mai manifestato i sintomi della malattia. La mononucleosi colpisce circa il 50% dei giovani tra i 15 e i 25 anni nei Paesi industrializzati, mentre nei Paesi in via di sviluppo l'età media della contrazione della mononucleosi è più bassa. Non tutti, però, riconoscono la malattia e non tutti gli adulti sanno di averla contratta: i sintomi della mononucleosi, infatti, sono più evidenti se il corpo è debilitato o se si viene colpiti durante la presenza di un'altra malattia, mentre in un soggetto sano o molto giovane la malattia può svilupparsi e seguire il suo naturale decorso senza che nessun sintomo appari manifesto e, di conseguenza, senza che vengano eseguiti controlli specifici a riguardo. La mononucleosi si trasmette prevalentemente attraverso la saliva: questo significa che i baci sono il principale viatico di diffusione, ma anche la condivisione di bicchieri, bottigliette e stoviglie. Nel caso dei bambini, il contagio può avvenire anche attraverso lo scambio di giocattoli che vengono messi in bocca. La malattia, inoltre, si trasmette attraverso rapporti sessuali o trasfusioni di sangue.


Terapie farmacologiche e rimedi naturali

La mononucleosi deve essere trattata farmacologicamente, ma i sintomi possono essere alleviati anche attraverso il ricorso ad alcuni prodotti naturali. Innanzitutto, integratori ad ampio spettro possono favorire la ripresa rapida, in particolare se contenenti Magnesio, Zinco, Vitamina C e Selenio. Alcune piante possono aiutare a contrastare il dolore del mal di gola e l'infiammazione in corso: è il caso della Belladonna, l'Echinacea, la Perilla e la Pulsatilla. Si possono assumere sotto forma di olio essenziale: poche gocce diluite in acqua sono sufficienti per poter sfruttare al meglio le proprietà benefiche di tali piante e per poterne trarre sollievo. Anche il the verde può portare sollievo: non solo in quanto bevanda calda da sorseggiare che protegge la gola, ma anche perché valido aiuto contro la febbre alta. Tali rimedi, tuttavia, non possono sostituirsi in toto alla terapia farmacologica ed è bene stabilire con il proprio medico le modalità di intervento per la cura della mononucleosi in modo tale da seguirne il decorso senza effetti collaterali a lungo termine.




COMMENTI SULL' ARTICOLO