Infuso ortica

Premessa

Sempre più persone scelgono di curarsi con i prodotti naturali che la terra ci offre. Si tratta di rimedi completamente naturali che, spesso, hanno origini molto antiche, basta considerare il fatto che nel passato non esistevano i medicinali moderni che intendiamo oggi. Erbe, fiori, radici e foglie di molte specie vegetali sono degli ottimi alleati green contro alcune patologie che ci affliggono, dal mal di testa, al mal di stomaco, dalle piccole infezioni ai problemi cutanei. Ogni erba o pianta ha delle particolari proprietà e basta conoscerle per poterle utilizzare nel modo giusto. Molte specie vegetali sono ben note, ma spesso siamo assolutamente inconsapevoli del fatto che esse, oltre ad essere delle piante ornamentali, in molti casi, sono anche degli ottimi medicinali naturali. Lo stesso accade per tutte quelle specie di piante utilizzate in cucina per aromatizzare ed insaporire i piatti. Molto spesso, quelle stesse piante se utilizzati e preparate diversamente, sottoforma, ad esempio, di tisane, infusi o decotti, fungono da rimedi per numerosi disturbi e patologie. Insomma, l’universo delle erbe officinali è davvero molto vasto e bisognerebbe che ognuno di noi lo approfondisse.

Pure Science Estratto di Radice di Ortica 500mg (300mg di Estratto Standardizzato al 2% di Silice e 200mg di Polvere di Radice di Ortica) - Promuove la Salute della Prostata & la Secrezione di Acido Urico, Aumenta il Testosterone Libero - 50 Capsule Vegetariane

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,9€
(Risparmi 5,4€)


Ortica

Tra le piante più diffuse su tutto il pianeta ed estremamente comuni e di facile reperimento vi è l’ortica. L’ortica è una specie presente un po’, non ha bisogno di condizioni particolari per crescere e proprio per questo è scambiata spesso per una pianta infestante. Nel nostro paese è possibile trovare due sspecie di ortica, denominate Urtica Urens e Urtica Dioica. Le due specie si differenziano per i colori e la forma delle foglie e dello stelo. La prima ha un’altezza complessiva minore rispetto alla specie Dioica, non supera infatti il mezzo metro e le foglie sono più tonde e chiare. La seconda specie, invece, l’Urtica Dioica presenta foglie lanceolate e di un verde alquanto scuro, infine è una pianta complessivamente più alta, può infatti superare il metro di altezza. Lo stelo presenta delle piccole parti urticanti e per questo per la raccolta e la lavorazione è preferibile che si indossino dei guanti. Per quanto riguarda le proprietà, le due specie sono abbastanza simili per cui raccogliere l’una o l’altra è complessivamente la stessa cosa.


  • DECOTTO La tecnica farmaceutica, cioè la materia che ci dice come preparare le varie forme farmaceutiche, come compresse, capsule o polveri, ci insegna che tra le preparazioni liquidi ve ne è una molto conosc...
  • Alloro L’alloro è chiamato anche Lauro, dal suo nome botanico, Laurus nobilis. In Gran Bretagna è chiamato Laurel o sweet bay, in Francia Laurier, Lorbeerbaum in Germania e Laurel in Spagna.Nella specie ...
  • Per vivere in maniera sana ed essere sempre in forma, sia dentro che fuori, è importante condurre una vita equilibrata e senza troppi eccessi. Non ci sono delle vere e proprie regole, ma più delle ind...
  • Le erbe officinali si rivelano degli ottimi alleati per combattere alcuni piccoli dolori fisici o anche psicologici e molti disturbi che affliggono il proprio organismo. Il tutto avviene in maniera as...

Maraviglia - Tisana Purezza, Infuso Di Menta, Ortica E Liquerizia - 25.5 G

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,9€


Proprietà

L’ortica è una pianta ricca di sostanze benefiche come vitamine, flavonoidi, minerali, proteine, amine, leucotrieni, alcaloidi. Queste e tante altre sostanze svolgono un ruolo fondamentale per l’organismo. Citiamone solo qualcuna: i flavonoidi rinforzano i vasi sanguigni, proteine, Sali minerali e vitamine aiutano l’organismo a svolgere correttamente tutte le funzioni che è chiamato a svolgere. L’ortica, dunque, è una vera e propria miniera di sostanze benefiche che contribuiscono a sostenere e a proteggere il corpo e a risolvere alcuni problemi che esso può presentare. Una delle modalità più interessanti per assumere le proprietà di cui è provvista l’ortica è quella di bere quotidianamente un infuso. Un infuso di ortica si ottiene mettendo in acqua bollente tutte le parti della pianta: dallo stelo, alle foglie, dal fiore al frutto. Solo in questo modo è possibile estrarre tutte le proprietà di questa efficacissima pianta e di godere di tutti i suoi poteri benefici. In genere, un infuso di ortica è un rimedio ottimo per depurare il sangue, in caso di mal di testa, patologie a reni, fegato e prostata. Inoltre, una tisana di questa pianta è utilissima se si soffre di mal di stomaco, per problemi di respirazione, in particolare ai polmoni e in caso di alcune allergie. In realtà, l’infuso di ortica è un rimedio eccezionale anche per altri disturbi e sarebbe bene poter approfondire l’argomento, magari chiedendo consiglio al proprio erborista.


Infuso ortica: Preparazione

La preparazione di un infuso all’ortica è estremamente semplice. La prima cosa da fare è reperire le parti di ortica da mettere in infusione. Si sconsiglia la raccolta autonoma della pianta anche se è molto facile trovarla in quanto essendo alla portati di tutti, compresi gli animali, potrebbe essere non molto igienico. Meglio andare sul sicuro e rivolgersi alla propria erboristeria di fiducia e chiedere dell’ortica. In questo caso si sarà sicuri del prodotto che si sta acquistando. Acquistata la materia prima, la preparazione sarà quella di un semplice infuso, dunque molto semplice. La prima cosa da fare è mettere un pentolino pieno d’acqua su una fiamma e portarlo ad ebollizione. Una volta raggiunta la temperatura necessaria al bollore è necessario spegnere la fiamma e versare le parti di ortica acquistate. Lasciare in ammollo per qualche minuto, minimo 15 minuti ma meglio se il tempo di posa sarà maggiore così da permettere alla pianta di sprigionare tutte le sue proprietà. Una volta terminato il tempo di riposo bisogna passare alla fase del filtraggio, per cui bisogna munirsi di un passino e filtrare le parti di pianta dal liquido. Una volta divise le due parti, versare il liquido in un bicchiere e zuccherare con zucchero raffinato o miele prima di consumarlo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO