Aneto

Caratteristiche dell'aneto

L'aneto è una pianta aromatica diffusa in cucina e il cui utilizzo è reso particolarmente apprezzato grazie alle proprietà benefiche offerte dalle parti aeree di questa pianta. Si tratta di una pianta appartenente alla famiglia delle Ombrelliferae, proveniente dall'India. Il suo aspetto è simile a quello del finocchio e dell'anice, ma è caratterizzata dalla presenza di piccoli fiori gialli e da un sapore aromatico e pungente, più intenso rispetto a quello delle altre due piante citate. Non solo le foglie sono ricche di proprietà benefiche: anche i semi di questa pianta vengono utilizzati comunemente in cucina, rendendo ancora più facile sfruttare questa versatile risorsa naturale. Con un po' di attenzioni, l'aneto può essere coltivato anche in ambito domestico, per avere sempre a disposizione le sue foglie fresche. I semi, al contrario delle foglie, vengono utilizzati soltanto essiccati: freschi, infatti, hanno un odore e un sapore decisamente poco gradevoli. A riprova dell'efficacia delle sue proprietà, l'aneto viene utilizzato sin dai tempi più antichi: già nell'antichità l'aneto veniva sfruttato per insaporire il pane, tradizione mantenutasi viva fino ai giorni nostri. In seguito, l'impiego dell'aneto si è diffuso come spezia per uova, pesce, patate, zuppe e ricette con vari tipi di ingredienti.
Aneto

Premier Aneto 100g by JustIngredients

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,25€


Proprietà benefiche dell'aneto

Aneto L'aneto non vanta solo un sapore deciso e caratteristico, ma anche diverse proprietà benefiche che ne arricchiscono il valore e ne favoriscono l'utilizzo in cucina. L'aneto è, innanzitutto, un alleato dello stomaco e del tratto intestinale: si tratta di una sostanza carminativa e antispasmodica, utile per intervenire con rimedi naturali contro i dolori e gli spasmi legati alle coliche o ai crampi allo stomaco. Esso viene sfruttato anche per contrastare l'alitosi. L'aneto è anche diuretico e depurativo per l'organismo: il suo utilizzo all'interno di un regime disintossicante favorisce la depurazione dalle tossine e l'eliminazione della cellulite, legata all'accumulo di liquidi in eccesso. Favorendo la digestione, l'aneto può essere sfruttato anche per la preparazione di infusi e tisane da assumere in seguito ai pasti e, soprattutto, prima di andare a dormire, per un sonno riposato e non disturbato da eventuali difficoltà digestive. Sotto forma di impacchi, invece, l'aneto trova utilizzo come ingrediente base per impacchi totalmente naturali alle unghie, le quali ne risultano rinforzate e meno tendenti a sfaldarsi.

  • dimagrire Un tema molto caro sia alle donne che agli uomini è quello relativo al dimagrire che dà il titolo alla nostra sezione. Quando parliamo di dimagrire il nostro pensiero va subito associato alle diete e ...
  • Oggi, più di ieri, sempre più persone sono consapevoli che per tenersi in forma devono adottare uno stile di vita sano e vitale. Sia gli uomini che le donne conoscono l’importanza di uno stile di vita...
  • Il nostro corpo per poter funzionare nella maniera giusta deve essere curato e ben trattato. Ciò può avvenire solo se lo si rispetta con un regime alimentare sano e dell’attività sportiva alquanto fre...
  • Spesso condurre uno stile di vita sano e equilibrato non basta. In molti casi, addirittura, non si tratta abbastanza bene il proprio organismo e per questo motivo si verificano delle carenze di sostan...

Vivai Le Georgiche Aneto (Anethum Graveolens) (Semente)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,4€


Aneto in cucina

Gli impacchi e le tisane sono strumenti preziosi per la lotta a piccoli disturbi del corpo in modo naturale, ma l'utilizzo dell'aneto non si esaurisce qui: questo elemento incredibilmente versatile è anche una gustosissima spezia che proprio in cucina trova la sua massima diffusione, aiutando ad arricchire i pasti non solo di salute, ma anche di gusto. E' difficile identificare soltanto alcuni ambiti nei quali utilizzare l'aneto, in quanto le diverse tradizioni europee e indiane prevedono moltissimi usi diversi. Ad esempio, nel Nord Europa l'aneto è molto utilizzato per insaporire le verdure sottolio, il pesce e in particolare il salmone, le uova, le patate e le zuppe. In Grecia, invece, non è raro trovare pane all'aneto, così come già si usava secoli e secoli fa. L'aneto si trova anche in legumi o come insaporitore per formaggi come la feta. Una spolverata di aneto può arricchire di gusto anche pietanze molto salutari, come le verdure bollite, oppure su carni preparate alla griglia. L'aneto attraversa ogni fase del pasto: esso non è raro nemmeno come ingrediente principale per la preparazione di liquori digestivi, oppure di olio d'oliva e aceto in versione aromatizzata: il sapore intenso lo rende un ingrediente immediatamente riconoscibile e apprezzabile in diverse forme e utilizzi, mentre le sue proprie benefiche non possono che essere considerate un valore aggiunto.


Controindicazioni

Nonostante i molti aspetti positivi dell'aneto, occorre fare attenzione ad alcuni effetti collaterali che potrebbero causare dei problemi ai soggetti particolarmente sensibili. L'aneto deve essere evitato in caso di ipersensibilità ai suoi principi attivi, con conseguente reazione allergica che può essere anche violenta. Questa sostanza dovrebbe venire evitata anche da tutte le donne in fase di gravidanza e di allattamento, nonché da chi soffre di ansia e di epilessia. Proprio perché tende ad abbassare la pressione, l'aneto è controindicato per coloro che già sono caratterizzati per natura da pressione bassa, mentre molta precauzione deve essere adottata in estate, qualora ci si prepari a lunghe esposizioni al sole: in tal caso l'aneto può rendere la pelle troppo sensibile e causare degli spiacevoli effetti collaterali. Per la stessa ragione, l'aneto va evitato durante i periodi di assunzione di medicinali dagli effetti fotosensibilizzanti. Per tutti gli altri, l'assunzione può avvenire tranquillamente, nel rispetto delle dosi consigliate: meglio non superare i tre grammi di semi al giorno e le due tisane al giorno, alternando dei periodi di mancata assunzione.




COMMENTI SULL' ARTICOLO