Carenza vitamina d

Importanza della vitamina D

La vitamina D è una sostanza fondamentale per garantire il corretto sviluppo dell'organismo e della struttura ossea durante gli anni della crescita, mentre nelle fasi successive della vita svolge un ruolo altrettanto importante per il mantenimento della salute dell'apparato muscolare e scheletrico. In particolare, la vitamina D si rivela importante nell'assorbimento del calcio che rende le ossa resistenti a rotture e patologie come l'osteoporosi o il rachitismo. La vitamina D influenza, inoltre, lo sviluppo dei tessuti muscolari, pertanto la sua carenza deve essere curata con attenzione: sottovalutare il problema può comportare dei danni di notevole entità e l'insorgenza di patologie tutt'altro che semplici da risolvere. La vitamina D è responsabile non solo del corretto apporto di calcio all'interno della struttura ossea, ma è anche un prezioso regolatore di calcio e fosforo all'interno del sangue. Normalmente, una corretta alimentazione e l'esposizione al sole che caratterizza comunemente la vita quotidiana sono sufficienti a garantire livelli ottimali di vitamina D, tuttavia vi sono patologie, abitudini o malfunzionamenti che possono portare a carenze, da tenere sempre sotto controllo.
carenza vitamina D

Yoga Nutrition Vitamina D3, Sunergizer liquido, 60 ml Sublinguale SENZA Conservanti Artificiali in Acqua Pura Senza Aromi, Ideale per i Bambini, Può Aiutare in casi di Carenza di Vitamina D (1)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,99€


Sintomi della carenza di vitamina D

carenza vitamina DIndividuare la carenza di vitamina D non è sempre facile, se non quando patologie derivanti sono ormai conclamate, come nel caso dell'osteoporosi, che si riscontra attraverso la fragilità ossea, oppure nel caso della osteomalacia o ancora del rachitismo, quando ormai la struttura scheletrica appare già irrimediabilmente deformata. Tuttavia, alcuni sintomi di minore entità possono lasciar intuire la presenza di una carenza di vitamina D già poco tempo dopo l'insorgenza, permettendo di intervenire ed evitare l'insorgere di più gravi disturbi. Gonfiore alle giunture, dolori articolari, ossei e muscolari, crampi, formicolii sono tutti segnali che possono tradire la sofferenza muscolare e il mancato apporto di questa preziosa vitamina in quantità sufficienti a garantire lo stato di salute. A tali sintomi si accompagna un senso di spossatezza generale e di stanchezza fisica prolungata, che nei casi più gravi può diventare invalidante e impedire il normale svolgimento delle azioni quotidiane. Questi sintomi, se presenti in contemporanea, devono pertanto essere considerati come un campanello d'allarme da non sottovalutare e che richiedono il consulto medico per l'individuazione del problema e della terapia.

  • Acido folico gravidanza L'acido folico è importante per la salute dell'individuo, ma diventa fondamentale nelle donne in attesa di un bambino: si tratta di un elemento importantissimo per prevenire la malformazione del feto ...
  • Calcio I minerali sono importantissimi per il benessere la salute dell'organismo, anche a lungo termine: dei periodi prolungati caratterizzati da carenze possono essere causa di problemi di salute talvolta i...
  • Antiossidanti Gli antiossidanti sono elementi fondamentali per il benessere e la conservazione ottimale dell'organismo: non a caso, spesso si sente parlare di questi elementi come di agenti anti invecchiamento, in ...
  • Acido folico L'acido folico svolge funzioni molto importanti per la salute dell'organismo, nonostante non possa venire prodotto da esso: si tratta di una sostanza fondamentale per la sintesi proteica e del dna, no...

Vitamina D 2000 U.I. 168 compresse masticabili Metagenics

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,3€


Cause della carenza di vitamina D

La carenza di vitamina D può avere diversi tipi di causa e, di conseguenza, alcune categorie di persone possono risultarne più a rischio. In particolare, l'assorbimento della vitamina può venire compromesso anche se la vitamina stessa viene introdotta secondo modalità adeguate attraverso l'alimentazione: è il caso del morbo celiaco o di altre patologie che colpiscono l'intestino e il suo assorbimento delle sostanze utili all'organismo, come il morbo di Chron. Nemiche dell'assorbimento della vitamina D sono anche le patologie epatiche di varia natura e quelle renali, che influiscono in vario modo sul metabolismo e sull'assorbimento delle sostanze nutritive. Pancreatite, fibrosi cistica, cirrosi biliare sono altre malattie che possono generare una situazione di malassorbimento, così come tutte le situazioni di alterazione metabolica. In presenza di tali disturbi, è importante mantenere monitorata la situazione con cadenza regolare, per avere la certezza di non incorrere negli effetti collaterali legati alla carenza. In assenza di altre patologie, la carenza di vitamina D può legarsi invece ad un'alimentazione errata oppure all'assenza di esposizione alla luce solare, che ne permette la sintesi. In particolare, una dieta vegetariana o vegana presenta maggiori rischi di incorrere nella carenza, poiché la vitamina D è contenuta in maggiori quantità all'interno di alimenti di origine animale, anche se non ne sono gli unici portatori.


Carenza vitamina d: Vitamina D e alimentazione

Come detto, la vitamina D è maggiormente presente in alcuni alimenti di origine animale, come latte, burro, uova, carni bianche e pesce. Trota, sogliola, sgombro, salmone, pesce spada, storione, tonno e sardine costituiscono le varietà ittiche in grado di garantire il maggior apporto di vitamina D e sono dunque da preferire in coloro che, magari per problemi legati a patologie che provocano il malassorbimento, necessitano di ingerire maggiori quantità di tale sostanza per assicurarsene un apporto adeguato. La loro eliminazione dalla dieta, di conseguenza, potrebbe portare ad una maggiore predisposizione alla carenza di vitamina D, alla quale porre rimedio attraverso l'assunzione controllata di altri alimenti che la contengono e che sono di origine vegetale. In particolare, nella dieta non devono mancare i legumi e le verdure a foglia larga. L'assimilazione della vitamina D, come visto, si lega inoltre all'esposizione alla luce solare: anch'essa, dunque, non deve mancare e se messa in atto a breve distanza dal pasto è in grado di favorire una maggiore assimilazione della vitamina ingerita.



COMMENTI SULL' ARTICOLO