Integratori di vitamina D

Cos’è

Tra le sostanze fondamentale per l’organismo, le vitamine sono alcune delle più importanti. In particolare, la vitamina B svolge importanti funzioni per l’organismo ed è necessario mantenere regolare il livello di queste sostanze affinché non si verifichino deficit che possono pregiudicare il giusto funzionamento del corpo e la sua salute psico-fisica. In genere, le vitamine derivano da fonti alimentari, infatti, è proprio alimentandosi che il nostro corpo assorbe la maggior parte delle sostanze benefiche e nutritive. Tuttavia vi sono alcune vitamine che non sono presenti in molti generi alimentari e occorre farne scorta con modi alternativi come attraverso gli integratori. Non è semplice rifornirsi di vitamina D attraverso le comuni scorte alimentari. Molti alimenti presentano una certa percentuale di vitamina D in base alla loro esposizione solare. Così, per poter integrare questa sostanza bisogna mangiare cereali, grassi animali quali burro, latte, il rosso d’uovo, il pesce e la carne.

Vitamina D3, 400 Capsule Morbide (Fornitura per Oltre 1 Anno), Integratore di Vitamina D 1000IU, Certificato da Terzi per Potenza, Alto Assorbimento di Colecalciferolo, di VitaPremium

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,97€
(Risparmi 18€)


Come assumerla

Dato che la maggior parte delle riserve di vitamina D risiedono degli alimenti di origine animale, coloro che seguono diete particolari come quella vegana o vegetariana sono, nella maggior parte dei casi, degli individui che ne presentano carenza. Rispetto ad altre vitamine, però, la vitamina D non deve necessariamente essere acquisita attraverso l’alimentazione: essa può essere sintetizzata dal colesterolo con l’esposizione solare a livello cutaneo. Non è ben chiaro a quanto ammonta il tempo di esposizione al sole necessario per la sintesi di vitamina D. Grosso modo, si pensa che un tempo che va dai 5 ai 30 minuti nelle ore di maggior calore della settimana possa bastare per attivare questo processo. Tutto ciò si rivela utile se avviene per almeno due volte a settimana. Purtroppo per, la presenza di inquinamento e di pulviscolo atmosferico, sommato all’utilizzo di creme solari con fattore di protezione superiore a 8 possono produrre un impedimento al processo di sintesi. È chiaro che non in tutti i periodi dell’anno è possibile esporsi al sole, ma il nostro organismo è in grado di immagazzinare la vitamina D prodotta durante i mesi di maggiore esposizione solare e utilizzarla nei mesi autunnali e invernali quando si è maggiormente coperti per il clima più rigido.


  • integratori naturali Benvenuti nella sezione del sito dedicata agli integratori naturali, una risorsa importante per l’integrazione della nostra dieta che ci consentono di riacquistare l’energia persa e di sentirci più in...
  • acido folico Benvenuti nella sezione dedicata all’acido folico, una vitamina del gruppo B molto raccomandata durante il periodo della gravidanza per la salute del nascituro. La vitamina B, in particolare la vitam...
  • pappa reale In questa sezione ci occuperemo delle svariate proprietà benefiche della pappa reale, un integratore alimentare che può essere assunto da chiunque di noi stia vivendo un periodo di sovraffaticamento f...
  • propoli Benvenuti nella sezione dedicata alla propoli, una sostanza costituita essenzialmente da resine, balsami e cere che viene raccolta dalle api ricavandola dalle gemme e dalla corteccia delle piante. Ma ...

Equilibra Integratore Alimentare Vitamina D-Flaconcino da 10 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,95€
(Risparmi 0,55€)


Caratteristiche

All’interno degli integratori, la vitamina D è presente in due forme chimiche distinte: la Vitamina D2, anche detta ergo calciferolo e la vitamina D3 o colecalciferolo. La prima è di origine vegetale e fungina, mentre la seconda di origine animale. La vitamina D è fondamentale per le ossa e, infatti, interviene nel processo di mineralizzazione delle ossa e di omeostasi della calcemia. Prima di essere attivata però, subisce due processi di idrossilazione, prima nel fegato e poi nei reni. Gli integratori di vitamina D sono consigliati nei casi in cui la carenza della sostanza sia causata da alcuni fattori come un’alimentazione povera di vitamina D, problemi di assorbimento della sostanza a livello intestinale, patologie ai reni, una scarsa esposizione al sole. la carenza de3lla vitamina D nel bambino può portare a fenomeni di rachitismo mentre nell’adulto viene ostacolato o reso più complesso il processo di mineralizzazione delle ossa comportando delle malformazioni allo scheletro. Alcuni individui sono maggiormente esposti a un deficit di vitamina D: tra questi individui vi sono, in particolare, quelli che hanno la pelle scura, in quanto la melanina impedisce e riduce la sintesi di vitamina D a livello cutaneo. Come detto precedentemente coloro che seguono una dieta vegana o hanno particolari allergie effettuano un’alimentazione povera di vitamina D. Anche gli obesi presentano deficit di vitamina D dato che è assorbita dal tessuto adiposo. Inoltre, chi presenta patologie che comportano un cattivo assorbimento dei grassi o una scarsa esposizione solare hanno necessità di integrare con prodotti esterni la vitamina D mancante. In genere, le donne in menopausa hanno particolarmente bisogno di integratori di vitamina D in aggiunta a integratori di calcio per evitare l’insorgere di osteoperosi.


Integratori di vitamina D: Fabbisogno

Per quanto riguarda la vitamina D non è semplice capire a quanto ammonta il fabbisogno giornaliero a differenza delle altre vitamine e delle altre sostanze. In questo caso, dunque, vengono stabiliti i “livelli di assunzione adeguati”, ovvero la quantità di sostanza necessaria per mantenere le ossa in salute e scongiurare malattie che le indeboliscano: dall’infanzia fino ai 50 anni, in genere, questo valore gira intorno ai 5 mcg (200 IU). A partire dai 51 anni, la quantità di vitamina D adeguata cresce del doppio e il fabbisogno ammonta a 10 mcg (400 IU), mentre coloro che hanno più di 70 anni necessitano di 15 mcg (600 IU). In alcuni casi, vi può essere un sovradosaggio di vitamina D che può comportare fenomeni come vomito, debolezza, nausea, inappetenza, perdita di peso, depressione e aritmie cardiache nei casi più gravi. Inoltre un sovraddosaggio di vitamina D e di calcio possono provocare la comparsa di calcoli renali.



COMMENTI SULL' ARTICOLO