Ferro

La carenza di ferro

La carenza di ferro è una condizione molto comune e che può colpire qualsiasi persona nel corso della vita. Si tratta di una condizione molto frequente, che può sfociare in anemia. Le cause della carenza di ferro sono prevalentemente da ricercare nella dieta, ma è bene anche effettuare controlli che possano escludere motivazioni più gravi e nascoste: tra queste, possono manifestarsi delle lesioni gastro - intestinali, delle infezioni con perdite ematiche interne, oppure un flusso mestruale molto abbondante.

I sintomi principali della carenza di ferro sono la stanchezza, il pallore, i giramenti di testa, acufeni e ronzii alle orecchie, battito cardiaco accelerato, respiro affannoso. Se la carenza è prolungata, si possono verificare ulteriori problemi come la caduta dei capelli, l'abbassamento della temperatura corporea e un indebolimento del sistema immunitario, con conseguenti frequenti malattie. I livelli di ferro possono essere controllati tramite esami del sangue di routine e la correzione può avvenire innanzitutto tramite la dieta, principale responsabile dell'assorbimento o mancato assorbimento. Se il problema persiste, invece, è il caso di indagare le cause che potrebbero essere alla base di un malassorbimento.

Ferro

Rowenta DW6010 Eco Intelligence Ferro a Vapore con Piastra Microsteam 400 3De, Potenza 2400 W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,98€
(Risparmi 32,01€)


l ferro negli alimenti

Ferro E' molto diffusa la credenza che l'unica fonte soddisfacente di ferro sia la carne, in particolare la carne rossa: in realtà, molti altri alimenti si rivelano ricchi di tale minerale e le corrette associazioni alimentari possono aiutare ad evitare i rischi di carenza di ferro anche per le persone vegetariane o vegane.

Ad essere particolarmente ricchi di ferro sono la carne magra e i legumi, con particolare concentrazione all'interno dei fagioli. Mentre gli agrumi possono incentivare l'assorbimento del ferro da parte del nostro organismo, vi sono degli alimenti che possono fungere da inibitori, dunque che non andrebbero assunti insieme ad alimenti ricchi di ferro o dovrebbero essere molto limitati all'interno della dieta di persone con carenze. Tra questi elementi vi sono le uova e la crusca. L'assorbimento del ferro può essere limitato anche dall'assunzione di molto the e caffè al di fuori dell'orario dei pasti.

Aiutano a migliorarne i livelli, invece, i cereali e il pesce rosso, così come molte tipologie di verdura a foglia larga, come spinaci, bietole, perfino insalata anche se in quantità più modeste. Il ferro è presente in livelli elevati anche nei broccoli.

  • Crusca Gli integratori alimentari sono importanti per garantire il giusto equilibrio nutrizionale nella persona. La crusca rientra in questa categoria, fornendo, in modo particolare, un notevole apporto di f...
  • Acido folico gravidanza L'acido folico è importante per la salute dell'individuo, ma diventa fondamentale nelle donne in attesa di un bambino: si tratta di un elemento importantissimo per prevenire la malformazione del feto ...
  • Calcio I minerali sono importantissimi per il benessere la salute dell'organismo, anche a lungo termine: dei periodi prolungati caratterizzati da carenze possono essere causa di problemi di salute talvolta i...
  • Antiossidanti Gli antiossidanti sono elementi fondamentali per il benessere e la conservazione ottimale dell'organismo: non a caso, spesso si sente parlare di questi elementi come di agenti anti invecchiamento, in ...

Russell Hobbs 20562-56 Steamglide Professional Ferro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,98€
(Risparmi 31,01€)


Integratori di ferro

Per porre rimedio ad una eventuale carenza di ferro, è possibile ricorrere a diversi tipi di integratori. Le dosi e il periodo di somministrazione dovrebbero essere concordati insieme al proprio medico, proprio per evitare rischi di eccessi di ferro o una integrazione inferiore alle reali necessità. Gli integratori possono essere di vario tipo: è possibile selezionare integratori naturali, per prodotti volti ad evitare controindicazioni, nonché di origine interamente vegetale. Queste soluzioni, in particolare, vanno incontro alle esigenze di coloro che scelgono di abbracciare uno stile di vita vegano o vegetariano.

Gli integratori possono comportare più sostanze in combinazione tra loro, oppure essere integratori unicamente di ferro: a determinare la migliore soluzione dovrà essere il medico, in seguito ad una attenta analisi delle necessità dell'individuo. Per aumentarne l'efficacia, alcuni integratori prevedono l'assunzione all'interno di una spremuta d'arancia. L'assunzione concomitante o comunque ravvicinata degli agrumi è, in effetti, una buona pratica quando si necessita di integrare il ferro, dal momento che la vitamina C di cui questi frutti sono ricchi ne facilita l'assorbimento e l'assimilazione da parte del nostro organismo.


Ferro: Eccesso di ferro nel sangue

Si sente spesso parlare della carenza di ferro nel sangue e delle eventuali conseguenze che si legano a questa condizione: sebbene questo sia il caso di alterazione più frequente, non va dimenticato che esistono anche casi di eccesso di ferro. La presenza di ferro in quantità eccessive nel sangue può comportare problemi per la salute, pertanto occorre tenere sotto controllo i livelli in tal senso ed evitare di assumere un numero eccedente di integratori per contrastare eventuali carenze, rischiando il problema contrario.

In particolare, l'eccesso di ferro è una condizione che colpisce maggiormente gli uomini dai 40 anni in su. Si parla di eccesso quando la concentrazione di ferro supera i 5 grammi. Negli uomini, il più chiaro segnale di eccesso di ferro è l'ipogonadismo, ovvero un'alterazione ormonale, mentre nelle donne i segnali più evidenti sono l'alterazione del ciclo mestruale e disfunzioni della tiroide. Inoltre, i problemi legati alla presenza del ferro comportano anche dei sintomi più generici e di meno facile individuazione, ma che possono aiutare a destare sospetti se presenti in concomitanza tra loro e con i sintomi precedentemente elencati. Si tratta, in questo caso, di affaticamento cronico, dolori agli arti, disturbi cardiaci, sbalzi d'umore, colore della pelle spento e opaco.



COMMENTI SULL' ARTICOLO