Premenopausa

Sintomi della premenopausa

Con premenopausa, si intende indicare il periodo di vita in cui il corpo della donna inizia a cambiare, per adattarsi all'assenza di mestruazioni. In questa fase si possono verificare le prime irregolarità del ciclo mestruale, nonché un serie di effetti collaterali che possono rendere fastidioso questo passaggio. Si tratta, invece, di una fase della vita da affrontare con naturalezza: questo è possibile anche grazie all'aiuto di alcuni rimedi naturali che permettono di tenere sotto controllo i principali sintomi. Questi piccoli disturbi possono verificarsi in modi, tempi e combinazioni diversi per ciascuna donna: per questa ragione non esistono rimedi universalmente validi, ma occorre calibrare le soluzioni migliori per il proprio organismo. Le donne che si accingono ad attraversare la fase di premenopausa possono lamentare cicli irregolari, vampate di calore, sbalzi d'umore e stati d'animo negativi, insonnia, nervosismo, stanchezza, mal di testa. A seconda dei disturbi che si presentano di volta in volta, è possibile alleviare gli effetti grazie al ricorso a metodi naturali, dall'effetto poco invasivo e che non comportano particolari effetti collaterali. Ad ogni modo, occorrerà sempre fare attenzione a possibili interazioni tra i singoli rimedi o tra loro ed eventuali farmaci che si stanno assumendo. In questa delicata fase è sempre meglio consultarsi con il proprio medico di fiducia.
Premenopausa

Premenopausa e menopausa. Fisiopatologia, clinica e terapia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,82€


Rimedi naturali contro i principali sintomi

Premenopausa Per le donne che scelgono di non sottoporsi ad una terapia ormonale, oppure per coloro che desiderano integrarla con alcuni rimedi naturali, è possibile ricorrere ad un vastissimo numero di soluzioni realizzate a partire dagli estratti delle piante officinali. I rimedi naturali si possono concentrare su uno o più sintomi, andando quindi incontro alla varietà di esigenze che possono caratterizzare ogni donna. Lachesis, Sepia, Pulsatilla, Graphites, Glonoium e Sulphur sono tra i rimedi più efficaci ed utilizzati per contrastare i principali sintomi, ovvero il mal di testa, la sudorazione, le vampate di calore e gli sbalzi d'umore. Si tratta di rimedi del tutto naturali, da assumere per un periodo di tempo prolungato per poterne apprezzare gli effetti. A questi rimedi si possono associare alcune forme di terapia di origine orientale, come l'agopuntura e la meditazione, che aiutano il rilassamento e il controllo degli sbalzi d'umore, mitigando l'irritabilità che può accompagnare questo delicato periodo di transizione.

  • dimagrire Un tema molto caro sia alle donne che agli uomini è quello relativo al dimagrire che dà il titolo alla nostra sezione. Quando parliamo di dimagrire il nostro pensiero va subito associato alle diete e ...
  • Oggi, più di ieri, sempre più persone sono consapevoli che per tenersi in forma devono adottare uno stile di vita sano e vitale. Sia gli uomini che le donne conoscono l’importanza di uno stile di vita...
  • Il nostro corpo per poter funzionare nella maniera giusta deve essere curato e ben trattato. Ciò può avvenire solo se lo si rispetta con un regime alimentare sano e dell’attività sportiva alquanto fre...
  • Spesso condurre uno stile di vita sano e equilibrato non basta. In molti casi, addirittura, non si tratta abbastanza bene il proprio organismo e per questo motivo si verificano delle carenze di sostan...

Resveratrolo 100 % 30 cps

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,1€


Alimentazione in premenopausa

Durante la premenopausa, anche l'alimentazione svolge un ruolo molto importante nell'accompagnare il corpo attraverso tutti i cambiamenti ai quali è soggetto nel modo il più possibile naturale e privo di effetti collaterali. Durante la premenopausa, l'organismo cambia e con esso possono variare anche le sue esigenze, a partire da quelle alimentari e nutrizionali. Solitamente, il metabolismo subisce un rallentamento e la donna ha minori necessità nutritive: per questo anche la dieta dovrà variare per evitare l'aumento di peso durante il periodo della premenopausa. Non occorre soltanto ridurre le quantità, ma anche migliorare la qualità della dieta, adattandola allo stato nel quale ci si trova. E' consigliabile ridurre gli alimenti di origine animale e preferire quelli ricchi di proteine ma poveri di grassi: meglio la carne bianca rispetto alla rossa, meglio il pesce alla carne. Sono invece sconsigliati i latticini. Il consumo di frutta e verdura deve invece tenere conto della necessità di soddisfare tutte le necessità relative a vitamine e minerali: la dieta dovrà essere ricca di ferro, fosforo, calcio e potassio. In questo periodo, è più facile andare incontro a problematiche come l'osteoporosi, legata appunto alla carenza di ferro che indebolisce le ossa. Bene anche gli alimenti ricchi di acidi grassi omega 3, in grado di prevenire i disturbi cardiocircolatori: con l'assenza del periodico ricambio sanguigno all'interno dell'organismo, per la donna aumentano i rischi di disturbi cardiocircolatori, da tenere sotto controllo.


Premenopausa: Buone abitudini

La premenopausa è una fase delicata della vita della donna ed è importante accompagnarla con una serie di buone abitudini che possono favorire l'attraversamento di questo periodo in modo il più possibile rilassato e piacevole. Uno stile di vita regolare può aiutare a contrastare l'insonnia, il malumore e il mal di testa: concedetevi del tempo da dedicare al relax e cercare di mantenere orari di sonno e di veglia regolari, in linea con le vostre necessità di riposo e di lontananza dallo stress. In questo periodo va bene anche ridurre l'attività fisica, ma non dedicarsi completamente alla sedentarietà: meglio svolgere un'attività leggera, che permetta di rilassarsi e mantenersi in forma senza effettuare sforzi eccessivi. Eliminare l'attività fisica, infatti, contrasta con il calo di fabbisogno energetico che porta alla tendenza all'aumento di peso. Lunghe passeggiate e spostamenti in bicicletta aiutano sia il mantenimento della linea, sia quello del buonumore.



COMMENTI SULL' ARTICOLO