broncopolmonite

Broncopolmonite: le cause

La broncopolmonite è un'infezione di bronchi e polmoni che avviene solitamente a causa di batteri e virus come lo streptococco: la diagnosi è importante per poter curare il disturbo in modo efficace sin dalla sua prima insorgenza, dal momento che potrebbe essere facile confondere i sintomi con quelli di una forte influenza e trattarli come tali, dedicando loro poco peso e non ricorrendo alle cure necessarie. L'insorgenza della broncopolmonite può avere luogo proprio dopo un'influenza che ha lasciato le vie respiratorie deboli ed infiammate, dunque più attaccabili. Non si tratta, però, dell'unico caso: anche l'asma o altri disturbi cronici possono costituire fattori di rischio che rendono il soggetto maggiormente esposto alla broncopolmonite. La malattia può colpire indistintamente persone di qualsiasi età e nella maggior parte dei casi, anche se non va presa sottogamba, non costituisce un grande pericolo per la salute. Diverso, invece, il caso di bambini, anziani o persone affette da altri disturbi che indeboliscono l'organismo rendendolo più esposto al rischio di infezioni: in questi casi la broncopolmonite può rendere allarmante un quadro clinico già compromesso e il trattamento può necessitare di ricovero ospedaliero per il monitoraggio costante. Nelle persone sane e negli individui adulti, invece, solitamente la broncopolmonite può essere curata a casa, sotto prescrizione medica.
broncopolmonite

Incutex 50x cerotti nasali per non russare cerotti per naso antirussamento per respirare meglio, taglia L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€
(Risparmi 5€)


Broncopolmonite: i sintomi

broncopolmoniteI sintomi della broncopolmonite possono inizialmente trarre in inganno e lasciar pensare ad una comune influenza. Per questa ragione si consiglia di monitorarli tenendo presente che, in caso di influenza o comune raffreddore, il decorso avviene naturalmente nell'arco di pochi giorni, mentre in caso di broncopolmonite i sintomi si fanno più accentuati e prolungati nel tempo. I primi indizi di una infezione in corso sono la comparsa di tosse, febbre, brividi, dolore o fastidio al petto, respirazione difficoltosa, fino alla comparsa di sintomi più invalidanti come vomito e diarrea, accompagnati da respirazione e battito cardiaco accelerati. I sintomi e la loro intensità possono variare da soggetto a soggetto, anche in base alle condizioni di salute pregresse. In ogni caso, è importante evitare di sottovalutare la loro insorgenza e anche in caso di persone precedentemente sane, la terapia deve sempre essere concordata con il proprio medico curante. Alla terapia farmacologica è possibile abbinare un controllo alimentare e il ricorso a prodotti naturali e tisane che possano aiutare ad alleviare i sintomi e a favorire il decorso della malattia, senza però che tali elementi vadano a sostituirsi alle cure mediche.

  • Un compito non da poco, ben difficile da raggiungere soprattutto se l’intenzione ultima è quella del raggiungimento di tutti e tre i punti prima citati in una sola volta. Più facile è se si scende a c...
  • La forfora è un problema che colpisce molte persone e che interessa in maniera indifferenziata sia uomini che donne. Scientificamente, la forfora è nota con il nome di Pityriasis Capitis e non è altro...
  • L’aloe vera è anche detta “pianta miracolosa” per le sue straordinarie proprietà terapeutiche. Essa è sempre stata utilizzata in diversi ambiti con eccellenti risultati. È una pianta estremamente poli...
  • cause debolezza Debolezza, mancanza di forze, spossatezza, stanchezza e cosi via, sono tutti termini che vengono utilizzati per indicare quello stato fisico che ci fa mancare la voglia, e le forze fisiche, per qualsi...

Malattie dell'apparato respiratorio. Pneumatologia e chirurgia toracica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,25€
(Risparmi 6,75€)


Alimentazione contro la broncopolmonite

Una delle prime tecniche di cura per la broncopolmonite, così come per la maggior parte dei disturbi che colpiscono l'uomo, passa attraverso l'alimentazione. Una alimentazione sana ed equilibrata aiuterà l'organismo a rafforzarsi e contrastare meglio la malattia, mentre alcuni alimenti specifici possono avere effetti benefici sui sintomi della broncopolmonite. Tra questi vi sono carote e spinaci, ricchi di vitamine e di ferro, veri e propri ricostituenti naturali. In generale, una dieta ricca di frutta e verdura favorirà la ripresa, mentre per un sollievo temporaneo all'infiammazione delle vie respiratorie è dato dall'assunzione di acqua calda con un po' di succo di limone al suo interno. Curcuma, zenzero e pepe nero sono piante note per il loro effetto mucolitico ed espettorante: possono aiutare a liberare bronchi e polmoni dalla presenza di muco e per questa ragione può essere utile inserirli nella dieta quotidiana durante il periodo di presenza della malattia. Meglio ridurre o evitare, invece, zucchero bianco e prodotti derivanti dalla farina e ricchi di lievito: la loro digestione è difficoltosa e per questo possono indebolire un organismo già provato, aggiungendo al fastidio dei sintomi tipi della broncopolmonite anche quello di una digestione lenta e pesante.


Rimedi naturali

Accanto alla cura per l'alimentazione, la natura viene incontro all'uomo con molte erbe che possono essere sfruttate sotto forma di decotti e tisane e che possono svolgere un'azione specifica contro i sintomi della broncopolmonite. Tra queste, le principali e più efficaci sono l'eucalipto e la menta, che svolgono un'azione disinfettante e decongestionante. L'edera e il timo hanno proprietà espettoranti e possono essere sfruttati anch'essi per tisane e preparati da bere, mentre la polmonaria è una pianta dal carattere espettorante, il cui nome già rivela l'efficacia e l'utilizzo tradizionalmente radicato di questa pianta per la mitigazione dei sintomi di malattie legate all'apparato respiratorio. Tisane contenenti arancia e agrumi possono essere altrettanto benefiche, mentre va evitato il consumo di tè, soprattutto il tè nero, più irritante e di difficile digestione, nonché privo degli effetti positivi propri delle altre piante elencate. Il discorso vale anche per il caffè e le altre bevande stimolanti, che possono accentuare alcuni dei sintomi della malattia, tra i quali l'accelerazione del battito cardiaco.




COMMENTI SULL' ARTICOLO