Amenorrea

Cause dell'amenorrea

L'amenorrea è l'assenza di ciclo mestruale che si verifica in età fertile di una donna: le origini possono essere molto diverse tra loro e devono essere accuratamente indagate per poter mettere in atto una terapia adeguata. La cura dell'amenorrea deve essere determinata da un medico dopo adeguate indagini, ma non si esclude che rimedi naturali siano utili o sufficienti: alimentazione ed estratti vegetali possono aiutare molto e favorire la risoluzione del problema. La prima distinzione da effettuare è tra amenorrea primaria e amenorrea secondaria: nel primo caso, nonostante il raggiungimento dell'età fertile le mestruazioni non compaiono, mentre nel secondo caso l'amenorrea si manifesta dopo un periodo più o meno lungo di cicli mestruali, anche se regolari. Nel primo caso, per ricercare la causa si indagheranno eventuali squilibri ormonali, ma anche malformazioni o disfunzioni degli organi dell'apparato genitale. Nel caso dell'amenorrea secondaria, invece, possono insorgere anche altri fattori: lo stress, un lutto, un trauma emotivo, forti preoccupazioni possono influenzare la regolarità del ciclo mestruale, così come una scorretta alimentazione che può portare a carenze nutritive importanti.
Amenorrea

Amenorrea mentale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Rimedi naturali

AmenorreaI rimedi naturali possono aiutare nella lotta all'amenorrea ma, naturalmente, risulteranno tanto più efficaci quanto più saranno state individuate con precisione le cause. L'amenorrea, infatti, può essere curata con diversi tipi di estratti vegetali a seconda della causa ultima che genera gli squilibri che, a loro volta, portano all'assenza del ciclo. In particolare, i rimedi naturali risultano efficaci in caso di amenorrea secondaria, quando legata a squilibri alimentari o a un periodo di stress psicofisico. In particolare, una volta individuate le possibili carenze responsabili dell'amenorrea, è possibile correggere l'alimentazione e provvedere, allo stesso tempo, ad integrare le carenze con qualche integratore naturale. Quantità e terapia devono comunque essere concordate insieme al proprio medico, soprattutto in caso di assunzione di medicinali di simile funzionalità, per evitare di imbattersi in sovradosaggi e per evitare interazioni negative tra i diversi prodotti assunti. Dal punto di vista dello stress, tisane e rimedi omeopatici possono fornire un valido aiuto. Camomilla, melissa, valeriana, malva e passiflora sono tra le piante più utilizzate per dare vita a tisane rilassanti, mentre il ginseng può essere molto utile per combattere la stanchezza mentale fisica.

  • Un compito non da poco, ben difficile da raggiungere soprattutto se l’intenzione ultima è quella del raggiungimento di tutti e tre i punti prima citati in una sola volta. Più facile è se si scende a c...
  • La forfora è un problema che colpisce molte persone e che interessa in maniera indifferenziata sia uomini che donne. Scientificamente, la forfora è nota con il nome di Pityriasis Capitis e non è altro...
  • L’aloe vera è anche detta “pianta miracolosa” per le sue straordinarie proprietà terapeutiche. Essa è sempre stata utilizzata in diversi ambiti con eccellenti risultati. È una pianta estremamente poli...
  • cause debolezza Debolezza, mancanza di forze, spossatezza, stanchezza e cosi via, sono tutti termini che vengono utilizzati per indicare quello stato fisico che ci fa mancare la voglia, e le forze fisiche, per qualsi...

Cuadernos de Osteopatía 8: La osteopatía visceral. El síndrome pre-menstrual. Las amenorreas. El sistema nervioso autónomo. La cavidad torácica.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,5€


Rimedi omeopatici

Accanto alla semplici tisane, si possono utilizzare altri prodotti omeopatici, dunque sempre di derivazione naturale, che permettono di tenere meglio sotto controllo le quantità di principio attivo assunte. Questo permette di poter ricercare in modo più semplice un dosaggio efficace, ma anche di abbinare i rimedi omeopatici ad una terapia medica con una maggiore certezza per quanto riguarda le possibili interazioni. Anche in questo caso, ci si dovrà rivolgere a un rimedio piuttosto di un altro sulla base della diagnosi: diversi sono i prodotti che possono risultare utili in caso di amenorrea, a seconda che essa sia causata da carenze minerali o vitaminiche, oppure da eccessiva stanchezza e disturbi dell'umore, oppure ancora da squilibri ormonali. Accanto ai preparati omeopatici specifici, risultano utili anche i Fiori di Bach, una volta individuato lo stato umorale della paziente ed accertata la sua influenza sul ciclo mestruale. I Fiori di Bach, infatti, possono venire utilizzati scegliendo tra i preparati già pronti, oppure mischiati per la creazione di una soluzione personale più efficace. Entrambe le operazioni, però, devono essere effettuate dall'erborista, che potrà valutare quale prodotto sarà più indicato per la paziente attraverso una serie di domande specifiche volte alla diagnosi.


Amenorrea: Alimentazione contro l'amenorrea

In caso di amenorrea è importante intervenire in primis sull'alimentazione, che dovrà essere regolare e ricca di vitamine, minerali e ferro nelle quantità consigliate. Se le carenze alimentari sono all'origine del disturbo, è possibile che si riesca a guarire semplicemente correggendo l'alimentazione e tornando ad un regime adatto al proprio organismo. Se, invece, l'amenorrea si lega a stress e fattori psicologici legati all'ansia, dovranno essere eliminate le sostanze eccitanti che favoriscono questi stati umorali: no, quindi, a the, caffè e alcolici. Si potrà fare ricorso anche a integratori alimentari, pur senza pensare che possano sostituire una dieta sana ed equilibrata. La varietà alimentare gioca un ruolo molto importante per garantire il corretto apporto vitaminico e nutrizionale: meglio, dunque, arricchire il piatto di verdure diverse e mettere in atto un'alimentazione bilanciata che preveda l'apporto di tutti i nutrienti necessari nel corso della giornata. Per favorire la sensazione di benessere e non affaticare l'organismo ulteriormente, si potrà facilitare la digestione ingerendo molta acqua nel corso della giornata e prediligendo, a pochi pasti ricchi e pesanti, quantità minori e pasti più frequenti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO