Risotto agli asparagi

Il risotto agli asparagi

Il risotto agli asparagi è una ricetta considerata tipicamente primaverile ma, in realtà, non si sbaglia mai nel farne una delle portate principali in ogni stagione. Risulta un piatto sfizioso e invitante grazie alla felice unione del riso che tende a mettere in risalto il sapore unico dell’asparago. Questi due ingredienti primari della ricetta le conferiscono un alto valore nutrizionale e la rendono nello steso tempo leggera.

Il riso, infatti, resta tra i cereali più digeribili ed è caratterizzato da un contenuto di carboidrati pari al 79%, contiene inoltre proteine, lipidi e molto amido; quest’ultimo gli permette di assorbire molta acqua in cottura, triplicando il proprio peso, rendendolo estremamente nutriente ma, al contempo, contenendo meno calorie rispetto alla pasta. L’asparago è un ortaggio ricco di fibre, vitamine A, B1, B6, C e sali minerali e possiede proprietà diuretiche e depurative. Inoltre possiede poche calorie per questo motivo è spesso indicato durante le diete dimagranti e/o in bianco. Il risotto agli asparagi, dunque, è perfetto per bilanciare gusto, salute e necessità di alimenti nutrienti anche all'interno di una dieta di mantenimento.

Risotto agli asparagi

Come si mangia l'olio. Con la carne, le verdure e i dolci, il terzo manuale pratico di abbinamento gastronomico con l'olio extra vergine di oliva. Ediz. italiana e inglese

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34€
(Risparmi 6€)


Ingredienti per il risotto

Risotto agli asparagiDopo aver parlato delle caratteristiche nutritive di riso e asparagi vediamo nel dettaglio tutti gli ingredienti richiesti per questa ricetta e le relative quantità, qui calcolate per due persone.

Abbiamo bisogno di 160gr di riso (si calcola almeno 80grper persona), 250 gr di asparagi, 1 L di brodo vegetale, 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva, 1 scalogno (va bene anche una cipolla piccola bionda o del porro, se si preferisce un sapore più delicato), 30 gr di burro, 20 gr di parmigiano grattugiato (può tranquillamente essere sostituito dal pecorino), sale q.b.

Questi gli ingredienti per la ricetta base ma, come accennato precedentemente, esistono delle varianti che possono prevedere aggiunte di alcuni ingredienti come stracchino (150 gr), raspadura e/o altri formaggi (100 gr), oppure pancetta (30 gr), vino bianco 1 bicchiere) o Cointreu (1 bicchierino) , pepe q.b. Potete sbizzarrirvi negli esperimenti per arricchire e personalizzare questo gustoso piatto, pur tenendo conto che, avendo un sapore molto caratteristico, ulteriori ingredienti non dovrebbero comunque le particolarità del risotto con gli asparagi.

  • Come tutti sanno, gli italiani sono dei buongustai e spesso sono anche degli ottimi cuoci. La cucina della tradizione mediterranea è stimata in tutto il mondo e secondo alcuni illustri esperti, oltre ...
  • L’anice è una pianta aromatica estremamente apprezzata ed utilizzata in diversi campi, dalla cucina, alla omeopatia e al campo medico. Si tratta di una specie che ha origini molto antiche e il cui uti...
  • L’anice è una pianta aromatica estremamente conosciuta ed apprezzata in cucina. si tratta di una pianta che cresceva spontaneamente nelle lontane terre dell’oriente e del medio oriente, ma che è stata...
  • Il carciofo è una pianta molto apprezzata dal punto di vista culinario, ricca di proprietà nutritive ed è conosciuta fin dall’antichità per il suo utilizzo terapeutico. Il carciofo è conosciuto con il...

arroce rías Antonio Tomas Arroz bomba Santo do Paella riso, 1er Pack (1 x 1 kg)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,42€


Preparazione

Come prima cosa laviamo gli asparagi accuratamente, li sbollentiamo in acqua calda salata e poi li puliamo togliendo la parte bianca del gambo e raschiandoli. Poi tagliamo le punte e affettiamo la restante parte del gambo a tondini. Prendiamo una pentola da minestra piuttosto ampia, mettiamo a scaldare l’olio insieme allo scalogno (o cipolla o porro) tagliato finemente e lo facciamo dorare dolcemente aggiungendo un paio di cucchiai di brodo e un pizzico di sale. A questo punto uniamo gli asparagi e lasciamo insaporire il tutto a fioco vivace, mescolando di tanto in tanto, per un paio di minuti.

Uniamo successivamente un ulteriore mestolo di brodo, un pizzico di sale e facciamo cuocere a fuoco dolce per cinque minuti coprendo il tutto con il coperchio. Trascorso il tempo togliamo il coperchio, alziamo la fiamma e facciamo asciugare il liquido in eccesso prima di aggiungere il riso facendolo tostare un minuto mescolando. Aggiungiamo quattro o cinque mestoli di brodo bollente e lasciamo che il tutto cuocia (di solito il tempo necessario sono 15-18 minuti, ma è bene controllare il tempo di cottura del riso che si sta utilizzando), mentre ogni tanto aggiungiamo brodo durante la cottura per non lasciare che il composto si asciughi del tutto. Durante gli ultimi due minuti mantechiamo con il burro. Servire con una bella grattata di parmigiano.


Risotto agli asparagi: Varianti

Quando il riso è appena stato aggiunto in pentola agli asparagi e sta tostando, possiamo far sfumare il tutto con un bicchiere di vino (preferibile quello bianco) o un bicchierino di Cointreu.

Nella variante della ricetta che prevede l’aggiunta dello stracchino o del formaggio preferito, il momento in cui è consigliabile aggiungerlo è a metà della cottura del riso; quest’aggiunta donerà un sapore tutto nuovo al composto e lo renderà incredibilmente cremoso ( in questo caso la mantecatura con il burro alla fine non si rende strettamente necessaria).

Un’ulteriore ricetta prevede l’aggiunta del sapore incalzante della pancetta da far appassire, all’inizio, insieme all’olio, gli asparagi e scalogno.

Prima di servire il piatto possiamo insaporire ulteriormente, secondo alcune ricette, grazie ad un pizzico di pepe oppure, per i palati più delicati, con una spruzzata di prezzemolo tritato finemente.

Per concludere, una piccola curiosità: si sa che a seconda dei gusti, gli asparagi si preferiscono più o meno al dente e questo dipende, oltre che dal tempo di cottura anche dalla grandezza dell’ortaggio; gli esemplari a gambo grande (che sono anche le qualità più pregiate) tendono a tenere meglio la cottura, dando come risultato un piatto con gli asparagi più croccanti sotto ai denti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO