Esercizi per dimagrire

Esercizi per dimagrire

Con la diffusione di abitudini alimentari ipocaloriche e di prodotti alimentari ricchi di grassi, in concomitanza con una riduzione delle necessità caloriche legata allo stile di vita prevalentemente sedentario, il controllo del peso è diventata una necessità più frequente rispetto al passato. Capita di trovarsi con la volontà di perdere qualche chilo in eccesso: la soluzione è combinata e richiede modifiche dello stile di vita oltre che una maggiore attività fisica. Innanzitutto, senza intervenire sull'alimentazione la perdita di peso sarà momentanea e comunque difficile da raggiungere. La prima cosa da fare è arrivare ad ottenere un regime alimentare in linea con le esigenze del proprio fisico, senza eccederle. Svolgere una regolare attività fisica è comunque importante e benefico: la scelta degli esercizi deve però legarsi alle reali necessità e affidarsi a uno specialista è sempre la scelta migliore per svolgere esercizi mirati alla perdita di peso, soprattutto se il nostro obiettivo implica la perdita di molti chili in eccesso. Se si inizia a fare attività fisica senza nessun tipo di allenamento, si potrà cominciare con attività non troppo intense e per periodi di tempo ristretti, andando poi ad aumentare poco alla volta. La frequenza regolare, invece, è imprescindibile per ottenere buoni risultati.
Esercizi per dimagrire

DIETA CHETOGENICA: La guida completa alla nuova dieta dimagrante - Include le deliziose Ricette di Giulia | La raccolta contiene Dieta Chetogenica e Ricette per la Dieta Chetogenica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,31€
(Risparmi 4,59€)


Accelerare il metabolismo

Esercizi per dimagrireTalvolta, per perdere peso è necessario intervenire sul metabolismo e accelerarlo. Questo perché il metabolismo può essere definito come la velocità con la quale il corpo brucia le calorie per soddisfare tutte le proprie necessità. In un individuo sano e che svolge una vita mediamente sedentaria,il metabolismo basale è quello che implica il maggior dispendio. Si tratta, in questo caso, dell'energia utilizzata per le semplici funzioni vitali. Per rendere il metabolismo più rapido, si potrà intervenire aumentando l'attività fisica, la quale richiede maggiori energie. In particolare, lo scopo prevalente è quello di aumentare la massa magra rispetto alla massa grassa, per poter bruciare un maggior numero di energie. Infatti, una struttura muscolare più sviluppata richiederà una maggiore quantità di energia a disposizione durante l'attività fisica: ne deriva un maggior consumo delle risorse accumulate. Per accelerare il metabolismo, dunque, è importante svolgere attività regolare che aiuti a sviluppare la massa magra dell'organismo. Ad esempio, le attività di resistenza comportano un maggiore dispendio di energia durante l'attività, ma tendono a lasciare invariata la massa muscolare, non riuscendo dunque ad avere effetti sul metabolismo basale.

  • Grasso addominale Il grasso addominale, o viscerale, è il tessuto adiposo che si accumula all'interno della cavità addominale, tra gli organi interni e il tronco. Si può trattare di una parte del tessuto adiposo distri...
  • dimagrire Un tema molto caro sia alle donne che agli uomini è quello relativo al dimagrire che dà il titolo alla nostra sezione. Quando parliamo di dimagrire il nostro pensiero va subito associato alle diete e ...
  • Oggi, più di ieri, sempre più persone sono consapevoli che per tenersi in forma devono adottare uno stile di vita sano e vitale. Sia gli uomini che le donne conoscono l’importanza di uno stile di vita...
  • Il nostro corpo per poter funzionare nella maniera giusta deve essere curato e ben trattato. Ciò può avvenire solo se lo si rispetta con un regime alimentare sano e dell’attività sportiva alquanto fre...

Carnitina Fitness - Acetil L Carnitina E Vitamine - Quante Volte Hai Cercato Di Liberarti Da Quegli Ultimi Chili Di Grasso Che Non Vogliono Andare Via? - 120 Capsule - Ultimate Italia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,42€


Attività aerobica e anaerobica

Per determinare quali esercizi seguire, ottenendo di conseguenza una perdita di peso, è fondamentale conoscere il funzionamento del nostro corpo e riconoscere le caratteristiche dei diversi tipi di attività fisica. La principale distinzione da compiere è quella tra allenamento aerobico e allenamento anaerobico. Il primo tipo avviene in presenza di ossigenazione muscolare sufficiente a mantenerne il funzionamento e produce l'ossidazione di lipidi e zuccheri. Il secondo tipo, invece, si svolge in assenza di ossigeno e causa una maggiore sintesi dei glucidi, sfruttati come risorsa energetica. L'attività anaerobica si svolge in modo costante e duraturo, mentre l'attività aerobica si svolge prevalentemente sulla base di maggiori sforzi, più brevi nel tempo. Naturalmente, le due condizioni possono presentarsi in combinazione più volte nel corso di un allenamento e si tratta di due processi che, per portare a risultati concreti, devono lavorare in parallelo. Ad ogni modo, sono i momenti di attività aerobica quelli che permettono un più rapido dimagrimento. Essi, però, non possono prescindere dallo sviluppo della massa muscolare che si ottiene attraverso le fasi anaerobiche. Per svolgere un'attività fisica davvero efficace è importante combinare queste due diverse fasi nel rispetto delle esigenze del proprio organismo.


Alimentazione e attività fisica

Uno degli errori più comuni in chi decide di perdere peso in fretta è quello di dedicarsi ad un maggior numero di ore dedicate all'attività fisica, accostando a questo cambiamento un cambio di alimentazione che prevede l'assunzione di calorie molto ridotte. In linea generale, riequilibrare l'apporto calorico in base alla dispersione è la cosa migliore da fare, ma questo non significa mangiare poco e fare esercizio fisico sia sempre una scelta saggia. Al contrario, va comunque tenuto conto del fatto che l'esercizio richiede dispendio di energie: per sviluppare massa magra, poi, l'esercizio dovrà essere svolto regolarmente e il corpo dovrà avere a disposizione tutto ciò di cui ha bisogno per migliorarsi. La dieta, dunque, deve essere calibrata sulla base delle caratteristiche del proprio corpo e sulla base del tipo di attività fisica che si decide di intraprendere, avendo cura di non limitare troppo le risorse alimentari: in questo caso la perdita di peso non si legherebbe ad una maggiore rapidità del metabolismo basale e si potrebbe andare incontro a gravi carenze, oltre che alla ripresa dei chili persi non appena le quantità di cibo tornano ad aumentare.




COMMENTI SULL' ARTICOLO