Alzheimer

Morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è una malattia degenerativa che colpisce il cervello ed è tra le forme di demenza senile più diffuse: l'Alzheimer colpisce il 5% della popolazione over 60, anche se in alcuni più rari casi il morbo si può presentare anche in età precoce. Il morbo di Alzheimer si può presentare con sintomi inizialmente difficili da individuare, che però con il tempo si rivelano sempre più evidenti e vanno a compromettere l'autonomia del soggetto malato e la sua capacità di comunicare e di svolgere le più semplici funzioni quotidiane. I sintomi principali si legano alla perdita di memoria e alla comparsa di difficoltà nella comunicazione, fino alla difficoltà nel riconoscere luoghi e persone, con incapacità di progettazione e di cura di sé, repentini sbalzi d'umore apparentemente privi di ragione. Attualmente non esistono cure definitive per contrastare questa malattia degenerativa, per la quale, tuttavia, è possibile mettere in atto terapie in grado di rallentare il progredire dei sintomi e alleviare i disturbi relativi. Le terapia possono agire in favore del mantenimento della memoria e la riduzione degli sbalzi d'umore, per il mantenimento dell'autonomia il più a lungo possibile da parte del paziente.
Alzheimer

Vivere con l'alzheimer. Consigli semplici per la vita quotidiana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,02€
(Risparmi 2,48€)


Curarsi con l'omeopatia

AlzheimerL'omeopatia è una risorsa preziosa alla quale fare ricorso in alternativa alle tradizionali cure farmacologiche in molti casi: non sempre, però, si tratta di una disciplina la cui applicazione può sostituire completamente il ricorso a farmaci appositi e specifici. Tale discorso vale, in particolare, per quanto riguarda malattie complesse e degenerative come l'Alzheimer. In questo caso l'omeopatia e i rimedi naturali possono essere dei validi aiuti, da abbinare alla terapia farmacologica. L'assunzione di prodotti omeopatici, in questo caso, deve avvenire sotto il controllo del medico che ha in cura il paziente e con il quale è stata stabilita una terapia: anche i prodotti omeopatici, infatti, possono creare delle interazioni con i farmaci tale da annullarne l'effetto oppure da peggiorare i sintomi anziché migliorarli. Occorre ricordare, inoltre, che i malati di Alzheimer necessitano di terapie su misura, poiché le risposte alla cura farmacologica possono variare notevolmente da paziente a paziente. Allo stesso modo, anche il ricorso all'omeopatia potrebbe avere esiti diversi a seconda del paziente e potrebbe essere necessario valutarne gli effetti alla luce di un periodo limitato di assunzione e, se necessario, cambiare il tipo di terapia e di prodotto omeopatico per individuare quelli che meglio possano rispondere alle esigenze del paziente.

    La fine dell'Alzheimer. Il primo programma per prevenire e combattere il declino cognitivo

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,36€
    (Risparmi 2,54€)


    Prevenzione omeopatica

    Le cause che determinano l'insorgenza dell'Alzheimer possono essere diverse e non tutte sono attualmente note: è possibile che si verifichino anche più concause, mentre i fattori genetici possono costituire ulteriori predisposizioni alla malattia. In tale scenario, è difficile poter stabilire con assoluta certezza quali elementi possano favorire il rallentamento e quali possano contrastare del tutto la malattia, attualmente soggetta a ricerche. Tuttavia, vi sono alcuni elementi che, in linea generale, sono risultati efficaci sia per la cura sia per la prevenzione. In particolare si consiglia una assunzione di vitamina A, vitamina C e vitamina E, sotto forma di integratori da assumere, in caso di malattia già dichiarata, sotto il controllo del medico. Tra i rimedi offerti dalla natura, risulta efficace il ginko biloba, anch'esso in grado di fornire, tra i suoi principi attivi, importanti antiossidanti che permettono di contrastare i radicali liberi presenti in crescenti quantità nel periodo dell'invecchiamento. Calcio, colina e coenzima Q10 sono altre importanti risorse alle quali si può fare ricorso, soprattutto con l'avanzare dell'età, per prevenire l'insorgenza dell'Alzheimer e il progredire dei suoi sintomi. La ricerca, ad ogni modo, in questo campo è ancora agli inizi: mantenersi informati è importante per poter ricorrere alle migliori soluzioni omeopatiche e farmacologiche.


    Prevenzione e stili di vita

    L'insorgenza dell'Alzheimer si lega a diversi fattori, non del tutto noti: a questi, però, si possono contrapporre stili di vita e abitudini benefiche per l'uomo in grado di favorire il mantenimento delle proprie capacità intellettive anche con l'avanzare dell'età e di evitare l'insorgenza di tale malattia. Uno stile di vita caratterizzato da alimentazione sana ed equilibrata e con attività fisica adeguata all'età sono tra i primi ingredienti per la salute. Nel caso dell'Alzheimer, così come per molte altre forme di demenza senile, è stato dimostrato come una vita caratterizzata da studio ed esercizi per la mente siano benefici, ritardando l'insorgenza della malattia e contrastandola. Tenere la mente allenata e mantenere una vita ricca di interessi sono ingredienti fondamentali soprattutto con l'avanzare dell'età, quando il pensionamento e il peggioramento delle condizioni di salute possono favorire invece una condizione di stasi e di isolamento.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO