acetosella

caratteristiche della pianta

Appartenente alla famiglia delle Ossalidacee, l’Oxalis Acetosella è una pianta erbacea perenne, dal rizoma di modeste dimensioni crescono dei lunghi e sottili steli che raggiungono dai 10 ai 15 centimetri di lunghezza.

Il fogliame è trilobato, simile a quello del trifoglio, le foglie sono tenere e di un color verde intenso. I fiori hanno una forma a calice e sono dotati di un lungo picciolo.

Il fiore presenta cinque petali e cinque sepali dal colore bianco con sfumature rosa e con tonalità leggermente più scure; esistono molte varietà che presentano sepali dal colore diverso, usati soprattutto per abbellire i giardini.

E' chiamata anche Agretta, Pentecoste, Lambrusca o erba brusca.

Il genere comprende circa 800 specie fra erbacee annuali, biennali e perenni.

Le parti utilizzate della pianta sono le foglie fresche.

acetosella

Acetosella

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Origine e coltivazione

acetosella gialla“ Oxalis” dal greco oxys = acuto, pungente e da hals = sale, per il suo gusto acidulo l’Acetosella ricorda l’aceto.

L’Acetosella è spontanea nel nostro paese, si trova in prati e boschi, principalmente nell’Italia centro settentrionale, altre specie provengono dall'Africa dall'America tropicale e Asia.

La pianta si adatta bene a ogni tipo di terreno, anche se predilige suoli leggeri e poveri di calcio, preferisce luoghi in ombra, ma non ci sono problemi, anche se è esposta in pieno sole.

Tra le varie tecniche utilizzate per la coltivazione quella per la divisione dei cespi fa sì che la pianta attecchisca con facilità. Nella moltiplicazione dal seme, la semina deve avvenire tre mesi prima dell’inizio della fioritura, che si ha nel mese di Aprile, oppure nel mese di agosto dell’anno precedente.

La pianta richiede acqua con frequenza e regolarità soprattutto nel periodo precedente alla fioritura. D’estate l’Acetosella entra in una fase di riposo che finisce tra agosto e settembre, fino alla comparsa delle prime gelate.

In condizioni adeguate cresce formano un fogliame rigoglioso e i cespi raggiungono anche i 30 cm e per questo motivo si dovrà procedere con un diradamento.

E’ una pianta che resiste bene alle malattie o agli attacchi di parassita inoltre, raramente ne è colpita, subisce l’attacco delle lumache che amano cibarsi delle sue rigogliose foglie.

Coltivata nei giardini e negli orti sia per le sue proprietà aromatiche e medicinali, ma anche a scopo ornamentale, poiché produce una piacevole fioritura primaverile dal colore rosa intenso.

L'Acetosella è da sempre stata una pianta molto diffusa, caratterizzata dalle sue foglie dal sapore un po' acidulo “da qui ne deriva il nome” ma dal sapore più delicato rispetto alla sua simile Acetosa.

Fin dal Medioevo era usata a scopo alimentare nelle salse e nelle insalate per dare loro più sapore ed era impiegata contro lo scorbuto dato, la sua elevata quantità di vitamina C.

I contadini l’hanno usata per anni per predire il tempo atmosferico, all’approssimarsi della notte le foglie si chiudono, se di mattino sono ancora chiuse, vuol dire che si annuncia un temporale.

Le operazioni di raccolta dell’acetosella riguardano solamente le foglie e non richiedono precauzioni particolari, si raccolgono le foglie per intero provviste sia di gambo sia di radici.

L’acetosella va utilizzata solamente fresca perché il processo di essiccazione ne farebbe perdere tutte le sue proprietà.

Suttons Seeds 165504 - Sementi di acetosella

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,49€


acetosella: Proprietà e controindicazioni

acetosella rosaI principi attivi della pianta sono gli ossalati, gli antrachinoni, la vitamina C e la mucillagine.

In cucina: Le foglie si mangiano sia crude sia cotte, trova quindi impiego in fresche insalate rinfrescanti o zuppe fredde, anche i gambi hanno un gusto acidulo e questo è sfruttato per arricchire di sapore gli arrosti, salse e minestre.

Usata come antinfettivo, purificante del sangue, diuretico, depurativo, febbrifugo e rinfrescante: si utilizza la pianta fresca raccogliendone le radici e le foglie ancora tenere. Mentre la pianta essiccata non è contemplata poiché con l’essiccamento perde tutte le sue proprietà.

Dermatosi e piaghe cutanee: Nella medicina tradizionale popolare, era usata tritata per guarire delle piaghe cutanee, attraverso lavaggi esterni. Questo trattamento può essere effettuato anche contro i semplici foruncoli, che vengono disinfettati per la presenza dell’acido ossalico.

Si prepara un decotto di radici e foglie di Acetosella, mezzo etto per un litro d’acqua, si fanno bollire per circa cinque minuti e una volta freddo si può bere durante tutto il corso della giornata, aiutando cosi a decongestionare il fegato.

Ascessi e ulcere dell’apparato orale: Già utilizzata per questo scopo dagli indiani d’America, la adoperavano masticando le foglie e formando dei boli per favorire l’eliminazione di cellule purulente dalla bocca.

Antiscorbutica: Visto il suo alto tenore in vitamina C, acido ossalico e ossalato di potassio, viene ampiamente usata nel trattamento dell’insufficienza vitaminica.

Antitumorale: Nella medicina popolare è utilizzato il succo fresco all’inizio di un cancro allo stomaco, contro ulcere e tumori cancerosi interni ed esterni, Il succo si può ottenere facilmente anche con una centrifuga elettrica a uso domestico.

Infezione dei linfonodi: Utilizzata per guarire dalla scrofolosi, una grave infezione dei linfonodi.

Usi domestici: Era usata per pulire oggetti in cuoio, contro le macchie d’inchiostro e di ruggine, a tal proposito viene creato su scala industriale un ottimo sbiancante.

Il consumo di acetosella va comunque limitato perché l'acido ossalico in essa contenuto (>dell’1%) a dosi elevate può essere tossico, di conseguenza è assolutamente controindicata per chi è affetto da calcolosi, gotta e ogni sorta di artrite.

Consultare il medico prima di iniziare un trattamento a base di Acetosella.

Prodotti in commercio

Decotto nel caso di problemi all’apparato digerente e depurativo del sangue.

Compresse usate per le irritazioni cutanee.

L'infuso bevuto mantiene la pelle elastica.

Le foglie fresche masticate aiutano ad alleviare il dolore nel caso di ferite alla bocca.



COMMENTI SULL' ARTICOLO