Shampoo pidocchi

Introduzione

La pediculosi è una malattia infettiva facente parte della categoria delle parassitosi le quali sono caratterizzate dalla colonizzazione del nostro organismo da parte di parassiti. Nel caso della pediculosi la colonizzazione avviene da parte di 3 tipi di insetti: il Pediculus Humanus Capitis, Pediculus Humanus Corporis e il Pthirus Pubis, definiti anche comunemente pidocchi.

Il primo parassita colpisce il capo. Il secondo colpisce il corpo mentre il terzo tipo colpisce il pube ed è chiamato anche piattola. La trasmissione della pediculosi avviene per contatto diretto tra le persone affette o attraverso lo scambio di indumenti o oggetti come sciarpe, cappelli, pettini, cuscini etc.

I pidocchi sono degli ectoparassiti (vivono esternamente all’organismo ospite) specifici per l’essere umano. Essi sono dei veri e propri vampiri perché anche loro, come le zanzare, si nutrono del nostro sangue. Il meccanismo con il quale prelevano il sangue dal nostro organismo è molto semplice. I pidocchi presentano un apparato boccale con dei dentini che gli permettono di ancorarsi saldamente al derma favorendo così la penetrazione in esso di 3 stiletti che lo attraverseranno dirigendosi verso i vasi sanguigni i quali verranno perforati dando così inizio al prelievo del sangue e quindi alla loro nutrizione.

Steripan Trattamento Shampoo 125ml Un Pidocchi pettine pidocchi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,37€


come funziona

L’infezione da pidocchio inizia attraverso le lendini, ovvero le uova che depone la femmina del Pediculus Humanus Capitis in seguito all’accoppiamento. Queste uova verranno rilasciate sui capelli dell’organismo ospite ed aderiranno ad essi attraverso una sostanza adesiva molto forte e resistente all’acqua e alle spazzole. Le lendini si schiuderanno e i pidocchi neonati, chiamati ninfe, inizieranno a succhiare il sangue. Dopo circa 7 – 15 giorni il parassita sarà diventato adulto e inizierà a riprodursi aumentando quindi la colonia che infesterà il cuoio capelluto. In 1 mese ogni pidocchio femmina può produrre tra le 80 e le 300 uova. Le lendini hanno una forma ovale simile a quella del pinolo, hanno una lunghezza di circa 1 mm e sono di colore giallo chiaro. Il ciclo vitale di ogni pidocchio è di circa 3 settimane.

I pidocchi sono parassiti completamente dipendenti dall’ospite e al di fuori del nostro organismo riescono a sopravvivere pochi giorni. Le ninfe invece riescono a sopravvivere fino ad un massimo di 10 giorno al di fuori dell’ospite.

Secondo alcuni studi recenti non vi è una correlazione tra le condizioni igieniche e la diffusione dei pidocchi. Infatti questa infezioni è molto frequente sia nei paesi industrializzati che in quelli poveri. La pediculosi colpisce principalmente i bambini tra i 3 e gli 11 anni. Le bambine, a causa della maggior lunghezza dei capelli, sono più colpite rispetto ai maschi. La presenza della pediculosi è molto frequente anche nelle famiglie dei bambini affetti. La maggior diffusione della pediculosi tra i bambini è dovuta al fatto che essi, rispetto agli adulti hanno un maggior contatto tra di loro.


  • Taglio di capelli Uno dei tratti distintivi di un uomo e di una donna sono i capelli. Queste lunghe strutture formate per la maggior parte di cheratina, ci ricoprono la testa per proteggere il cuoio capelluto, principa...
  • prodotti capelli La rubrica prodotti capelli è una rubrica ricca di spunti e approfondimenti sulle diverse tipologie di capello e sui prodotti cosmetici più adatti alle loro esigenze. Spesso chi ha i capelli lisci li ...
  • prodotti solari Il calore, l’energia e la luce del sole sono per noi fonte di energia! Occorre tuttavia prestare la massima attenzione quando ci si espone al sole: un’esposizione al sole fatta con superficialità può ...
  • sapone Benvenuto nell’area del sito dedicata al sapone. Il sapone, un prodotto cosmetico usato per la pulizia perché in grado di sciogliere le sostanze grasse che si accumulano su viso o corpo, è generalment...

Puressentiel Shampoo Contro Pidocchi - 200 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,83€


Sintomi

La sintomatologia della pediculosi del capo è caratterizzata fondamentalmente da un forte ed intenso prurito a livello del cuoio capelluto che può comportare la formazioni di escoriazioni e lesioni causate dalle possibili grattate. La formazioni di queste lesioni può causare anche la formazione di infezioni e linfoadenopatie cervicali. Il prurito è dato dalla saliva che il Pediculus Humanus Captis rilascia nella ferita. Essa infatti, essendo antigenica causerà l’instaurarsi dell’attivazione della risposta infiammatoria acuta con conseguente dermatite e prurito.


Shampoo pidocchi: Trattamento

Combattere un infestazione di pidocchi è molto semplice. In passato, sia per l’assenza di prodotti in grado di uccidere i parassiti sia per comodità, la pediculosi veniva trattata mediante un taglio completo dei capelli. Attualmente invece viene contrastata nella maggior parte dei casi attraverso uno shampoo in grado di debellare i pidocchi ed un pettine a denti stretti.

Esistono diversi tipi di shampoo a seconda della casa produttrice. In linea generale sono tutti molto simili ed anche il metodo di utilizzo è lo stesso. Lo shampoo dovrà essere applicato sui capelli umidi stando attenti a stenderlo su tutto il cuoio capelluto. Una volta posizionato lasciarlo agire per circa 10 minuti e sciacquare i capelli. Una volta risciacquati è fondamentale pettinare bene i capelli con un pettine a denti stretti in maniera tale da eliminare le lendini. Questa operazione deve essere ripetuta ogni 3 o 4 giorni per circa 4 volte.

L’utilizzo di questi prodotti deve essere effettuato con cautela soprattutto nel caso in cui le persone colpite dall’infezione siano bambini molto piccoli o persone asmatiche. Ciò perché questi prodotti presentano un’alta presenza di alcol che può portare ad un broncospasmo. In soggetti di questo tipo è consigliato l’utilizzo di prodotti in gel o in crema. Nei neonati invece è consigliato il trattamento soltanto mediante l’ausilio di un pettine a denti stretti.

La terapia deve essere iniziata nel momento in cui viene certificata la presenza del parassita o delle sue uova.



COMMENTI SULL' ARTICOLO