Ldl

Lipoproteine a bassa densità

I valori della lipoproteina a bassa densità, note anche come Ldl (low density lipotrotein) sono molto importanti per conoscere i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Per conoscere correttamente il loro ruolo, è importante capire esattamente cosa sono. Le lipoproteine a bassa densità derivano dalle lipoproteine ad alta densità non assorbite dal fegato. Esse trasportano trigliceridi e colesterolo non esterificato nella circolazione. Attualmente, le analisi di laboratorio non permettono di conoscere in modo diretto i livelli di ldl nel sangue, pertanto tale dato si può evincere soltanto a partire da altre informazioni. In particolare, si valutano i livelli di trigliceridi, delle lipoproteine ad alta densità (hdl – high density lipoprotein) e del colesterolo totale. Da questi dati è possibile calcolare i livelli di ldl nel sangue. La presenza di ldl non è da considerarsi sempre negativa: la definizione di “colesterolo cattivo” si lega agli effetti negativi che si presentano in caso di livelli troppo elevati. Le hdl e le ldl hanno il compito di trasportare il colesterolo per la costruzione delle pareti cellulari: livelli troppo alti di ldl si traducono in un accumulo dannoso per la circolazione.
Ldl

LDL

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Ldl: valori alti

LdlCome visto, il colesterolo “cattivo” non è dannoso in sé, ma può essere molto pericoloso se si trova presente in eccesso nel nostro apparato circolatorio. Stabilire i livelli sicuri o consigliati, però, non è un'operazione che può limitarsi all'identificazione di un numero. Infatti, i livelli di colesterolo nel sangue, o meglio, di ldl, da considerarsi ottimali variano molto a seconda dell'età, dello stato di salute e del sesso dell'individuo. In particolare, occorre tenere in considerazione alcuni fattori di rischio, come l'essere o meno fumatori, l'essere soggetti o affetti da malattie cardiovascolari, l'età, la pressione alta, la presenza di valori hdl inferiori a 40. In particolare, gli uomini dovrebbero prestare attenzione a questi valori soprattutto oltre i 40 anni di età, mentre le donne oltre i 55. In generale, gli uomini sono più a rischio delle donne in età fertile, mentre con l'arrivo della menopausa anche per le donne i rischi aumentano. In base alle informazioni inerenti queste condizioni, si può ricavare una indicativa classificazione. Per le persone considerate ad alto rischio i valori dovrebbero attestarsi intorno ai 100 mg/dl, per le persone a rischio moderato sono consigliati valori inferiori ai 130 mg/dl, mentre per le persone non a rischio i valori possono essere considerati accettabili fino ai 160 mg/dl.

  • Transaminasi Le transaminasi sono enzimi che intervengono durante i processi di transaminazione, ovvero di trasformazione di aminoacidi in altri, generando energia per l'organismo. Gli enzimi sono molecole proteic...
  • Colesterolo alto Il colesterolo è una sostanza indispensabile per il corretto sviluppo cellulare e svolge un ruolo molto importante nella produzione di ormoni sessuali e steroidei, tuttavia la sua eccessiva concentraz...
  • Colesterolo totale La presenza di colesterolo nel sangue, se supera certi livelli, può diventare un pericolo da non sottovalutare. Tenere sotto controllo i livelli di colesterolo è fondamentale per poter prevenire distu...
  • Un compito non da poco, ben difficile da raggiungere soprattutto se l’intenzione ultima è quella del raggiungimento di tutti e tre i punti prima citati in una sola volta. Più facile è se si scende a c...

LDL-C (mmol/L)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,53€


Ldl: valori alti e conseguenze

Riconoscere i sintomi del colesterolo alto in tempo è importante per intervenire in modo tempestivo con una dieta appropriata e, se necessario, una terapia farmacologica, evitando conseguenze che possono essere anche molto gravi. Purtroppo, non sempre si manifestano segnali che destano sospetto sull'eventuale presenza di colesterolo alto, oppure essi non vengono interpretati come allarmanti da parte del paziente. Per questo è particolarmente importante che i soggetti a rischio si sottopongano a regolari controlli. Più che tramite sintomi diretti, il colesterolo alto può rivelarsi attraverso la pressione sanguigna alta, la resistenza all'insulina, mentre fattori di rischio che richiedono periodici controlli possono essere il sovrappeso e l'obesità. Delle analisi potranno verificare la presenza di accumuli di colesterolo, come le placche aterosclerotiche nei vasi sanguigni, che possono portare a ostruzioni cardiovascolari. In casi gravi, il colesterolo può provocare degli accumuli in certi distretti del corpo, visibili anche dal paziente poiché interessano al cute, oppure i tendini muscolari. Questi accumuli vengono detti xantomi e sono riconoscibili al tatto e alla vista, anche se non dolorosi per il paziente.


Rimedi naturali contro il colesterolo

Se si è soggetti a rischio o si presentano valori troppo elevati di colesterolo, è fondamentale rivolgersi al proprio medico ed essere seguiti, sottoponendosi a controlli regolari. Alle terapie mediche, ad ogni modo, è possibile affiancare alcuni rimedi naturali che possano migliorarne l'efficacia, sempre informando il proprio specialista. Innanzitutto, la cura del colesterolo alto passa attraverso un canale primario, che è l'alimentazione: è importante seguire una dieta povera di grassi e ricca invece di frutta, verdura e cereali integrali. Bene anche i legumi, in quanto ricchi di fibre utili a contrastare l'innalzamento del colesterolo cattivo. Non è necessario escludere le proteine animali, ma è bene evitare gli alimenti più ricchi di grassi saturi e prediligere il frequente consumo di pesce. Anche l'attività fisica è importante: senza esporre il cuore a eccessivo stress, soprattutto per quanto riguarda i soggetti cardiopatici, svolgere regolare esercizio controllato aiuterà a ridurre il colesterolo presente nel sangue. I fumatori dovrebbero abbandonare del tutto questa pratica, che comporta ulteriori problemi all'apparato cardiocircolatorio e unita agli altri fattori di rischio può portare a conseguenze molto serie.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO